Gin, tonic e stili di vita: 5 ricette d'eccezione (e le occasioni a cui abbinarle)

Il 19 ottobre, nel mondo, si festeggia il longdrink più amato di sempre. Qui raccontato da professionisti del settore, tra perfect serve e momenti speciali 
4 minuti di lettura

Quasi ipocalorico, democratico, elegante (se solo si evita di mettere troppa roba a galleggiare nel bicchiere). Il Gin Tonic, volendolo guardare con occhi diversi da quelli dei 18enni che furono, abituati a ingurgitarlo in discoteca o in qualche bar di tendenza con una gradazione alcolica improbabile e qualità di base infima, ha moltissime qualità. Alcune poco conosciute o valutate, tanto da scavallare il muro ostico del mainstream.

Le calorie: dovrebbe essere il cocktail preferito da ogni persona attenta alla linea: se si utilizza un misurino da 45ml, non si lesina con il ghiaccio e si sceglie un baloon, un calice da vino o un tumbler abbastanza largo, le calorie scendono vertiginosamente; senza contare che moltissime toniche oggi in commercio sono totalmente senza zuccheri, e qui il gioco si fa ancora più facile. La democraticità: le etichette disponibili (se si parla solo delle italiane siamo abbondantemente oltre le 300, tra piccoli medi e grandi produttori) permettono la soddisfazione di qualsiasi gusto e l'approdo a tavola. Con una pizza poi (e in questo articolo ne parleremo), è perfetto. L'eleganza: un bicchiere trasparente (ben decorato o meno non ha importanza), ghiaccio, una piccola garnish e le bollicine della tonica (mai ucciderle mescolando troppo energicamente il drink) hanno conquistato perfino James Bond, arrivando a insidiare il Martini nella lista dei suoi momenti di svago alcolico più amati. In qualsiasi modo la si guardi, questo sembra l'identikit di un bravo ragazzo, il Matt Damon dello schermo (ben più affidabile di James Bond), la vicina che ti porta la torta appena hai traslocato, facendoti sentire subito a casa. 


Ma basta tutto questo per spiegare la grande fortuna, la risonanza mondiale che negli ultimi anni ha portato alla nascita di centinaia di Gintonerie nel mondo (il Gin&Tonic Club di Praga conta in bottigliera più di 200 etichette), il tam tam social e non solo? Alla conta delle prove (come nei film polizieschi) evidentemente si. Basti pensare che lì dove la prolifica moda contemporanea degli international day inizia a perdere smalto, l'International Gin&Tonic Day è talmente forte e l'allure del cocktail che gli da il nome talmente brillante, da richiedere addirittura due giornate di festeggiamenti durante l'anno (uno il 19 ottobre e l'altro il 9 aprile) e una lotta intestina tra gli organizzatori per identificare (come sempre nella storia umana) qual è più importante. A cos'è dovuto tutto questo, a una moda? Sicuramente conta, inutile prendersi troppo in giro: nel mondo dei social gli hashtag sono sovrani. Ma principalmente questo amore trasversale sembra legato a una qualità intrinseca del drink: il Gin&Tonic è trasversale e abbinabile a 360°, come il jeans, la tshirt bianca e il tubino nero. Abbinabile ai piatti, ai momenti, alle occasioni.

Per questo abbiamo scelto di raccontarlo attraverso 5 ricette diverse, una per ogni momento e occasione della giornata. 


Le ricette
 

Un Gin&Tonic in terrazza 

Bartender: Marco Colonnelli e Vincenzo Civita - Picteau Bistro&Bar, Firenze 
Momento della giornata: Una festa tra amici, il Gin Arte di base, dry e secco, perfettamente abbinabile con più di una tonica e con più di un piatto, è anche il più facile da proporre, per il suo gusto lineare, a persone non necessariamente abituate a bere Gin & Tonic. 
 
Ingredienti: 5 cl Gin italiano, Ginarte Premium Dry Gin; 2 cl Cordiale Ibisco e Pino Mugo; Top di tonica al cardamomo 
Descrizione: Il cocktail esplora il mondo Ginarte a 360 gradi risaltando tutte le sue botaniche. La linearità dei sapori traccia una facile lettura degli ingredienti che caratterizzano il Gin stesso; il ginepro, da protagonista, si propaga fra note balsamiche di pino e sentori dolci di ibisco e sambuco, chiudendo con una punta amara di angelica. Un armonioso viaggio tra le sfumature dei colori e le contraddizioni dei sapori segnano un’esperienza tra tradizione e innovazione.
 
 


 
Un Gin&Tonic in famiglia 

Bartender: Floreal - Firenze 
Momento della giornata: Un pranzo in famiglia, o una cena tra innamorati. Al centro del tavolo una tartare speciale direttamente dalla cucina di Edoardo Tilli di Podere Belvedere, ristorante di fine dining in Chianti. 

Ingredienti: Gin Peter in Florence, San Pellegrino Tonica Rovere
Descrizione: Questo cocktail risulkta agrumato e balsamico al naso, con un naso floreale che aiuta la beva. Perfetto, grazie alla tonica secca e piena di sapore, è perfetto anche per essere abbinato a piatti complessi, come quelli del pranzo della domenica. 
Piatto in abbinamento: Tartare di capriolo 60 giorni dryage. Odore intenso ma rotondo, al sapore spicca una pungente sensazione di germe di grano e graminacee. Gocce di crema di sesamo tostato e fiori di senape bianca selvatica lievemente piccanti e intensa aromaticità. Le gocce di crema di sesamo tostato acidule per il tosazu e dolce per il miele di acacia.



Gin&Tonic e Pizza 

Bartender: 
Sabina Yausheva - Dry Milano 
Momento della giornata: una cena fra amici e al centro del tavolo la pietanza più felice di tutti, la pizza margherita. Anzi in questo caso una pizza d'autore, quella firmata da Lorenzo Sirabella del Dry di Milano, che a questo drink avvicina la Piennolo Rosso, una ricetta tradizionale con un pomodoro pieno di sapore, cresciuto su terra vulcanica. 

Ingredienti: 50 ml di Aqva Luce Gin  - Top di Strong Tonic Cortese 
Descrizione: Il Gin Tonic di Sabina Yausheva, nuova bar manager del rinato Dry Milano: 50 ml Aqva Lvce Gin e top di Cortese Strong Tonic, con guarnizione di timo, per richiamare una delle botaniche del gin e uno spicchiò di lime. Servito in bicchiere balloon come richiesto dalla maggior parte dei milanesi! Un gin tonic caratterizzato dall'uso dell'Aqva Lvce Gin, che avendo tra le sue botaniche timo, coriandolo e alloro, si presenta dal carattere mediterraneo, perfetto in abbinamento alla Pizza Piennolo Rosso dello chef Lorenzo Sirabella, mentre la Cortese Strong Tonic, che si distingue per il carattere deciso e la lunga persistenza dovuti all’aggiunta di peperoncino e con una maggiore concentrazione di chinino restituisce frizzantezza e aiuta la digestione.

Gin & Tonic e Relax 

Bartender: Edoardo Nono - Rita, Milano
Momento della giornata: Per il mio gin tonic autunnale ho deciso di pensare al mio giardino che sta ricevendo le ultime cure prima del riposo invernale. I rizomi delle iris hanno subito le divisioni e ora andranno rimessi a dimora. Le mie aromatiche dopo lo stress dell’estate sono ora più belle che mai e aspettano solo di essere raccolte. Perfetto per un attimo di meditazione e riposo a fine giornata. 

Ingredienti: Engine Gin; Lurisia all'Iris 
Descrizione: "Ho scelto di usare Engine, gin premium piemontese perché unisce una veste estetica aggressiva ispirata al mondo del racing e una sensibilità territoriale fuori dal comune con la sua fragranza botanica di Salvia e Limone. È dolce e intenso per cui lo sposeró con una tonica particolarmente amara. La Lurisia aromatizzata all’ iris. Una acqua tonica moderna ma non esotica. Completerò la preparazione con qualche goccia di alcoolato al limone che preparo con i miei limoni portati da Pantelleria. Lo faccio ogni anno e mi aiuta a superare la nostalgia del mio buon ritiro estivo. E poi strappo dalla mia pianta di Salvia una foglia bellissima. Così, sul balcone mi godró un gin tonic con il sole timido di novembre mentre aspetto che il giardino torni a regalarmi le sue fioriture (e le moto nel garage che aspettano la bella stagione)". 

 

Gin & Tonic in pasticceria 

Bartender: Savino Carone - Pasticceria Clivati, Milano 
Momento della giornata: Un tè delle cinque lievemente spiritoso, che possa sdoganare l'essenza stessa di questo drink nella sua essenza contemporanea, ovvero un long drink a bassissima gradazione alcolica. Basta abbassare la quantità di gin, e non lesinare con il ghiaccio: avrà pochissime calorie e sarà decisamente sostenibile anche a un orario anticipato come possono essere le 17. 

Ingredienti: Gin Acque Verdi; Acqua Tonica neutra Plose 
Descrizione: "Il nostro gin tonic profuma d'italianità perché si lega perfettamente al nostro aperitivo con la pasticceria salata. Al drink abbiniamo infatti il nostro cannolo cacio e pepe, il bignè carbonara, il cannoncino alla milanese, il maritozzo alla caponata, il muffii al nero di seppia, il babà in saor".