La lezione di Max Casacci, Subsonica: così ho catturato le voci della terra

Max Casacci dei Subsonica 
Il musicista nel suo libro “Earthphonia” ci invita a non  smettere di ascoltare il canto delle balene, il fruscio delle foglie che cadono e il canto del vento: il suono della natura ci aiuta a vivere meglio
2 minuti di lettura

“La musica è ovunque”, è così che si apre l’incontro avvenuto con il chitarrista, produttore e fondatore dei Subsonica, Max Casacci. Nel suo libro “Earthphonia”, come spiegato dallo stesso artista, ha provato a racchiudere in semplici note lo splendore della natura, cercando di catturare le voci della terra. Questo percorso artistico di Massimiliano è iniziato dall’idea di rendere il rumore dei sassi dell’isola di Gozo, armonioso come un’orchestra preistorica, tentando di rappresentare un ecosistema attraverso dei suoni.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi tribuna di Treviso la comunità dei lettori