Colorado

Due anni con uno pneumatico al collo: ora il cervo è finalmente libero

Le guardie forestali sono riuscite a bloccare e sedare l'animale, individuato per la prima volta nel 2019, ma gli hanno dovuto tagliare le corna: "Era in ottime condizioni, nonostante i 16 chili del giogo"
1 minuti di lettura

Non ci sono soltanto i pesci impigliati nelle reti e gli uccelli intrappolati nelle mascherine: in Colorado le squadre forestali locali sono finalmente riuscite a liberare un wapiti, un cervide che vive nel Nordamerica, che da due anni aveva uno pneumatico intorno al collo. Il giovane esemplare di quattro anni e mezzo era stato avvistato già nel 2019, ma non si era mai riusciti a bloccarlo in un luogo adatto a sedarlo. La stagione degli amori ha ora dato una mano agli esperti, che però soltanto questa settimana avevano già provato altre quattro volte a catturare il wapiti.

Come riporta il quotidiano britannico Guardian, l'operazione non è stata semplice e purtroppo non è stato possibile tagliare lo pneumatico, che aveva un'anima in metallo. Così, i veterinari hanno dovuto recidere il palco di corna del wapiti per sfilare il pericoloso collare. Per fortuna, nonostante lo pneumatico fosse lì da almeno due anni, i veterinari hanno accertato che l'animale sta bene, sul collo hanno riscontrato soltanto una piccola piaga da sfregamento, ma la pelle è in buone condizioni.

 

Per lo wapiti non avere le corna sarà un problema per l'accoppiamento, ma solo quest'anno. Durante la stagione degli amori, infatti, i maschi combattono incrociando le corna, per ribadire il loro predominio sul gruppo e attirare le femmine. Alla fine della stagione degli amori gli wapiti (così come i cervi e i daini, stretti parenti) perdono le corna, un adattamento importante per affrontare l'inverno. In un maschio adulto le corna arrivano a pesare fino a 35 chili e liberarsene prima della stagione fredda significa avere meno peso da portare in giro e quindi risparmiare energia quando il cibo è più difficile da trovare.

Il wapiti Colorado, sarà ora molto più leggero: oltre al peso delle corna è stato sollevato di un fardello di 16 chili, perché lo pneumatico era anche appesantito da rifiuti che si erano accumulati al suo interno. L'animale era stato avvistato per la prima volta nel luglio 2019, durante un censimento della popolazione di capre di montagna sulle Montagne Rocciose. I forestali avevano poi cercato di seguire le tracce dell'animale, che si spostava tra l'area protetta del monte Evans Park e i parchi della contea di Jefferson.
 

Per quanto possa sembrare strano, il caso del wapiti non è isolato e i forestali hanno dichiarato al quotidiano inglese di aver visto molti altri animali selvatici, come orsi e daini, intrappolati in oggetti di ogni tipo come altalene, amache, fili da bucato, decorazioni luminose, cassette da frutta, cesti per la biancheria, mangiatoie per polli, porte da calcio e reti da pallavolo.