Tecnologia

Dalle mappe alla ricerca dei voli. La svolta green di Google

Nuove funzioni per rendere più visibili le opzioni con il minor impatto ambientale. Turismo, finanza, shopping e veicoli ecologici. "Sembrano scelte di poco conto, ma su scala globale possono fare la differenza"

2 minuti di lettura

I voli e gli hotel più sostenibili, gli elettrodomestici che consumano meno, la finanza che guarda alle rinnovabili, i percorsi migliori per risparmiare carburante ed emettere meno gas serra. Il motore di ricerca Google presenta la sua nuova versione ecologista: una serie di servizi integrati per cercare di ridurre l'impatto sul pianeta dei suoi utenti. Ad annunciarlo è stato lo stesso Sundar Pichai, 49 anni, dal 2015 alla guida del colosso del Web. "Il cambiamento climatico è la più grande minaccia che dobbiamo affrontare", ha spiegato. "Vogliamo poter offrire alle persone la possibilità di fare scelte migliori. E per quanto alcune possano sembrare di poco conto, su scala globale possono significare molto per l'ambiente".

Di qui alcuni strumenti, messi in campo anche da altri come Skyscanner, per selezionare ad esempio un certo volo che produce meno CO2 della media su una determinata tratta. O ancora prenotare un hotel che applica pratiche sostenibili, oppure avere sulla mappa i servizi che affittano scooter e bici elettriche con i percorsi più adatti in 300 città del mondo.

"Siamo partiti dai viaggi perché rappresentano una quota significativa delle emissioni pro-capite", racconta Nick Zakrasek, a capo dei prodotti dedicati alla sostenibilità di Google. "Ma anche perché nell'industria del turismo c'è molto attenzione a questi temi e si stanno cercando soluzioni meno impattanti rispetto al passato". Il livello di dettaglio in certi casi è sorprendente ma viene da chiedersi quanto poi davvero utile: in Google Voli si avranno a disposizione informazioni sulle emissioni di carbonio arrivando a visualizzare perfino la loro quantità associate alle singole poltrone.

Dato che spostarsi in auto è una delle cose più inquinanti che le persone fanno ogni giorno, a partire da oggi negli Stati Uniti, e in Europa dal 2022, Google Maps proporrà il percorso che comporta la quantità minore di emissioni quando l'ora di arrivo stimata è simile a quella dell'itinerario più veloce. Secondo Google questa novità consentirà di evitare oltre un milione di tonnellate di CO2, equivalenti a rimuovere più di 200mila auto dalla strada, e permetterà alle persone di risparmiare denaro riducendo il consumo di carburante. Non solo. Se si sta cercando una vettura da acquistare, l'azienda di Mountain View renderà più evidenti le auto ibride e i veicoli elettrici, confrontandoli con i modelli a benzina e consigliando eventuali sgravi fiscali così da fornire indicazioni precise sull'effettivo costo. Queste funzionalità saranno disponibili già da quest'anno ma per ora solo negli Stati Uniti.

Lo stesso discorso vale per gli elettrodomestici. Quando ci cercherà un nuovo apparecchio fra i prodotti che consumano molta energia, dal forno alla lavastoviglie al bollitore dell'acqua, i suggerimenti nella scheda Shopping aiuteranno a restringere la ricerca ai modelli non solo più convenienti ma anche maggiormente sostenibili.

C'è poi la sperimentazione sui semafori, per renderli più efficienti grazie all'uso dell'intelligenza artificiale. La sperimentazione è stata condotta in Israele con l'obiettivo di prevedere le condizioni del traffico e fare in modo che i semafori funzionino nel modo migliore. Risultato: una riduzione del 10-20% del consumo di carburante e dei ritardi agli incroci. E ora la tecnologia verrà portata a Rio de Janeiro. Anche in questo caso non si tratta di una novità. Da Sony ad aziende come la Axilion, israeliana, l'ottimizzare la viabilità grazie agli algoritmi è un terreno dove già da tempo sono tanti a muoversi. 

"A Google vediamo i rischi come una sfida ma anche come una opportunità", ha sottolineato Pichai. Opportunità per creare un mondo migliore per tutti e per cavalcare la nuova economia verde che promette grandi cambiamenti e anche grandi ritorni economici.