Milano Design Week

Se bere una birra diventa un gesto sostenibile

Il "circular bar" di Carlsberg al SuperSalone 2021 a Milano. 
I progetti di due big del settore come Carlsberg e Heineken, per definire la loro presenza alla Milano Design Week
2 minuti di lettura

Riciclo, recupero e circolarità sono le parole d’ordine a cui si sono ispirate Carlsberg e Heineken per la loro presenza al SuperSalone 2021.

“Produrre birra per un oggi e un domani migliori” è la mission di Carlsberg Italia, Official Beer Partner di RoGUILTLESSPLASTIC 2021, un progetto ideato dalla gallerista Rossana Orlandi e dedicato al design realizzato con materiali di recupero dei rifiuti in plastica (re-Waste). Al SuperSalone il gruppo presenta una linea di design sostenibile che nasce dai fusti di birra in plastica Pet riciclabili, che, una volta esaurita la loro “vita attiva”, possono trasformarsi in nuovi oggetti, come gli arredi da esterno. I fusti in Pet sono alla base della tecnologia di Carlsberg DraughtMaster, un sistema di spillatura che li utilizza al posto dei tradizionali fusti in acciaio, senza adoperare anidride carbonica aggiunta. In questo modo, la birra si conserva inalterata fino a 31 giorni contro i circa 7 giorni di un fusto in acciaio, riducendo così l’impatto ambientale. Introdotta nel 2011, la tecnologia DraughtMaster nel 2020 è stata utilizzata per il 97% della birra distribuita in fusti da Carlsberg Italia, con un risparmio per l’azienda pari a 5.369.958 kg di emissioni di anidride carbonica, una quantità equivalente a quella assorbita in un anno da 214.798 alberi.
Alla Milano Design Week i fusti di birra Carlsberg ormai inutilizzabili si trasformano in una linea di arredi da giardino – Ocean OC2 – realizzati grazie alla collaborazione tra il gruppo, la danese Mater, produttrice di mobili e complementi di arredo e di design, e le aziende Re-Plastic e Lendager Group. Per costruire una  sedia Ocean OC2 si risparmia fino al 53% di anidride carbonica rispetto al processo di produzione della stessa sedia in plastica vergine.

Una sedia della Linea Ocean OC2 

Gli arredi da giardino della serie, insieme alle altre opere di RoGUILTLESSPLASTIC 2021, sono i protagonisti del TrashFormation Village, che vede i chiostri del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” ospitare una grande installazione dedicata appunto ai prodotti realizzati dal recupero di materiali plastici. E per chi vuole bersi una bionda, l’appuntamento è al Carlsberg Circular Bar, progettato dall’architetto Lucio Micheletti e arredato sempre con materiali ottenuti a partire dai fusti DraughtMaster esausti.

Lo storico Palazzo Serbelloni ospita invece il Greener Bar di Heineken, un concept bar per eventi realizzato con metodi di costruzione, materiali e tecnologie studiati per minimizzare l’impatto ambientale e azzerare gli sprechi, in una logica di circolarità. Si tratta del primo bar per eventi fisici sostenibile, che adotta azioni reali per ridurre i rifiuti, l'acqua, le emissioni e l'uso di energia e che fungerà da modello per tutti i futuri eventi, i bar e le esperienze Heineken nel mondo: ogni singolo elemento della struttura è stato concepito in accordo con i principi dell’economia circolare, dalle divise del personale alle zavorre di terra e piante usate per stabilizzare la struttura, fino ai sottobicchieri fatti con i chicchi dell’orzo già utilizzato durante il processo di birrificazione. Le panche del bar sono state realizzate con il legno di un olmo caduto naturalmente vicino al birrificio di Amsterdam, riducendo così le emissioni di produzione dell'86%, mentre il bancone è stato costruito con casse Heineken riciclate e i cuscini sono stati cuciti adoperando la stoffa delle divise. I bicchieri sono riutilizzabili: una volta consumata la birra è possibile portarli in uno dei punti di raccolta in modo che vengano lavati e adoperati di nuovo. Anche le bottiglie WOBO, progettate dallo storico manager dell’azienda Freddy Heineken negli anni Sessanta, possono essere riciclate per comporre blocchi da costruzione. Sotto il profilo energetico il bar, alimentato al 100% da fonti rinnovabili, utilizza tecnologie all’avanguardia: Heineken ha stretto una partnership con Red Bull Advanced Technologies per ridurre i tempi di raffreddamento del frigorifero fino al 20% senza aumentare il consumo di energia, grazie a una soluzione mutuata dagli sport motoristici. Al Greener Bar la birra viene trasportata in barili e fusti in acciaio Heineken, che hanno una durata di oltre 300 utilizzi. Il tutto porta, secondo le stime, l’Heineken Green Bar a risparmiare per ogni singolo evento una media di 6.539 kg di rifiuti, 5.335 kilowattora di energia, 21.128 kg di emissioni di anidride carbonica e e 25.108 litri di acqua. Nel corso della Milano Design Week la sostenibilità e il consumo responsabile saranno al centro di una serie di incontri dedicati: le “conversazioni intorno a una birra” sono in programma all’Heineken Greener Bar ogni giorno tra le 18 e le 19, con la partecipazione di esperti del settore e personaggi del mondo dei motori.