Menu

  • Seguici su

Luoghi: Altivole

Primi soldi a Vallà: 2 milioni dalla Regione

Primi soldi a Vallà: 2 milioni dalla Regione

di Daniele Quarello

La giunta Galan stanzia 2,8 milioni per 29 Comuni colpiti dall’eccezionale maltempo del 6 giugno. Il Comune di Riese Pio X ne attendeva 27. Il sindaco: "Ci paghiamo a malapena l’Iva"

Salgono a 580 le case lesionateIl sindaco di Vallà: ora ricostruire

Salgono a 580 le case lesionateIl sindaco di Vallà: ora ricostruire

Cinquecento abitazioni danneggiate a Riese, cinquanta ad Altivole, trenta a Vedelago. Questi i primi dati emersi dal censimento eseguito da vigili del fuoco e tecnici comunali e provinciali sul territorio dei tre comuni più colpiti dalla tromba d’aria che sabato pomeriggio ha devastato il cuore di Vallà. «E’ superata la prima fase di emergenza», ha informato il sindaco Gianluigi Contarin. Smontata ieri sera, alle 20, l’unica di crisi locale dei vigili del fuoco di Treviso. Sul posto rimangono solo le squadre di Castelfranco e Montebelluna, in totale 14 uomini. Oggi sarà stesa la relazione completa dei danni, che verrà poi inviata ad ministro Luca Zaia. E’iniziato nel frattempo il lento lavoro di ricostruzione.

Boom di alcoltest nella Marca dimezzati i morti sulle trade

Boom di alcoltest nella Marca dimezzati i morti sulle trade

Dimezzati, almeno fino ad oggi, i morti sulle strade della Marca. E’ questo il bilancio dei decessi a causa di incidenti stradali sulle strade della Marca nei primi 7 mesi del 2008. Da gennaio a luglio di quest’anno 44 persone hanno perso tragicamente la vita sull’asfalto. A luglio 2007, anno nero per gli incidenti stradali mortali, il numero dei decessi era arrivato a quota 69. «Nel primo semestre del 2008 - spiega il comandante della Polstrada, Giovanbattista Scali - abbiamo fatto più del doppio dei controlli con alcol-test effettuati nel 2007». Ma non c’è solo l’inasprimento dei controlli e delle sanzioni. «E’ stata fatta una grande campagna di prevenzione - aggiunge Scali - sia all’interno delle scuole sia fuori. Facendo vedere che i controlli c’erano e sarebbero stati potenziati».

Nei primi 14 giorni del 2008 tre morti sul lavoro nella Marca

Nei primi 14 giorni del 2008 tre morti sul lavoro nella Marca

Si muore in fabbrica, si muore in magazzino, si muore in azienda agricola. Di sabato come di lunedì, il primo giorno dell’anno come in agosto, italiani e stranieri. Giovani precari e sessantenni esperti, uomini e donne. Si muore, si muore troppo: sono già tre le vittime del lavoro in provincia di Treviso in questo 2008 appena iniziato, nove quelle in Veneto.

Dilaniato nalla macchina che miscela il mangime

Dilaniato nalla macchina che miscela il mangime

Eì morto dilaniato da un apparecchio miscelatore Francisc Lorent, 48 anni, di Altivole,  sposato e padre di due figli. Stava lavorando nell’azienda agricola «Valleverde» di San Vito, quando è caduto tra le lame tranciatrici. Nello stesso, identico odo era morto a Follina, il 1° gennaio, Gianpietro De Conto, 50 anni di Miane, maciullato in un miscelatore di mangimi.

Sparò al rivale, il pm: tentato omicidio

Caerano. La lite finita in tragedia nel piazzale della discoteca Max. Il cementista di Altivole accusato anche di ricettazione: la pistola era rubata. Christian Visentin esplose 8 colpi contro Rudy Marconato, 5 andarono a segno

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro