Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Palio di Vidor, una festa per tutto il paese

L’edizione numero 22 vinta dalla contrada del “Centro”, Marika Bortolesso festeggia tra gli atleti il suo addio al nubilato

VIDOR

La contrada “Centro” ha festeggiato domenica la vittoria nella ventiduesima edizione del Palio di Vidor con un’ospite autoinvitata speciale: Marika Bortolesso una ragazza del paese che stava “celebrando” il proprio addio al nubilato assieme alle amiche tra il pubblico del Palio. Marika lascerà la sua Vidor per trasferirsi altrove con il futuro marito.

L’ADDIO AL NUBILATO

Lei ed il gruppo delle sue amiche hanno scelto la manifestazione per i riti goliardici dell’addio al nubilato. Qui la ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

VIDOR

La contrada “Centro” ha festeggiato domenica la vittoria nella ventiduesima edizione del Palio di Vidor con un’ospite autoinvitata speciale: Marika Bortolesso una ragazza del paese che stava “celebrando” il proprio addio al nubilato assieme alle amiche tra il pubblico del Palio. Marika lascerà la sua Vidor per trasferirsi altrove con il futuro marito.

L’ADDIO AL NUBILATO

Lei ed il gruppo delle sue amiche hanno scelto la manifestazione per i riti goliardici dell’addio al nubilato. Qui la sposa ha distribuito baci e dolcetti allusivi tra le circa mille persone venute a vedere la gara. Alla proclamazione dei vincitori poi Marika ha scherzato con loro e posato per la foto di rito. Il capitano delle squadra vincitrice, Thomas Tormena, ha poi dedicato il risultato ai compaesani del Centro di Vidor. Subito dopo sono iniziati i festeggiamenti dei vincitori nel loro stand.

IL TEAM dei vincitori

La formazione del Vidor Centro era composta da questi atleti: a portare la scala Francesca Zanatta, Elena Zandò e Aurora Pederiva; al primo tratto con la trave Francesco Pederiva, Riccardo Zanatta, Giorgio Da Riva, e Nicholas Tormena, secondo tratto con la trave Thomas Tormena, Andrea Cassol, Gianluca Menin, Alessandro Bortolamiol. Riserve: Nicolò De Stefani e Klajdi Ismaili. Anche le altre squadre hanno fatto festa presso i propri stand. Festeggiamenti meritati: il Palio è infatti stato una bella sfida con i tempi di percorrenza moto vicini tra loro con addirittura delle incollature di differenza tra le squadre sul podio.

L’EXPLOIT DELLA CONTRADA

La contrada del Centro di Vidor ha raggiunto il Castello con un tempo di 2 minuti 36 secondi e 90 centesimi. Secondo per un’incollatura il Moriago, vincitore delle edizioni del 2016 e del 2017, che ha impiegato 2'37''61. Terzo il Sernaglia con 2'38''00, quarto il Colbertaldo con 2'40''82, quinto per Alnè di Sotto con 2'53''54, sesto Bosco con 2'53''57, settimo l’ Ortezzano, paese in provincia di Fermo , che ha sostituito all'ultimo momento la squadra del Petritoli, paese gemellato con Vidor, e che ha impiegato 4'48''57.

GIOVANISSIMI IN GAMBA

È stato ottimo anche il risultato della squadra fuori concorso dei giovanissimi di Vidor le “Iperpippe”: 2'47''66. La manifestazione, organizzata della pro loco La Vidorese, rievoca l'assalto medioevale dei barbari al Castello posto sulla cima del colle. Dopo la sfilata dei cittadini vidoresi in costumi medievali e del mondo contadino, c’è stata la gara che consiste in un percorso da svolgere nel minor tempo possibile con partenza dall'abazia di Santa Bona.

LA RIEVOCAZIONE STORICA

Prima di due ragazze che trasportano una scala passando per la piazza. Ai dai piedi del colle vi è il cambio con quattro ragazzi che devono portare una pesante trave fino a metà della salita dove devono passarla ad altri compagni i quali la porteranno al traguardo. —

Gino Zangrando