Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Olio extravergine, ecco i migliori La sfida all’ultima goccia verde

IL CONCORSOConclusa la 13esima edizione del concorso «L'extravergine Olio di Asolo». Al primo posto si è classificato Michele Callegari, al secondo Luigino Scandiuzzi, al terzo Ottorino Bittante.Nato...

IL CONCORSO

Conclusa la 13esima edizione del concorso «L'extravergine Olio di Asolo». Al primo posto si è classificato Michele Callegari, al secondo Luigino Scandiuzzi, al terzo Ottorino Bittante.

Nato nel 2005 il concorso «L’extravergine Olio di Asolo» intende valorizzare i produttori del prezioso nettare delle colline asolane. La volontà era e rimane quella di unire i produttori per confrontarsi e favorire la diffusione di un prodotto di alta qualità. Inizialmente promosso con il patrocinio ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

IL CONCORSO

Conclusa la 13esima edizione del concorso «L'extravergine Olio di Asolo». Al primo posto si è classificato Michele Callegari, al secondo Luigino Scandiuzzi, al terzo Ottorino Bittante.

Nato nel 2005 il concorso «L’extravergine Olio di Asolo» intende valorizzare i produttori del prezioso nettare delle colline asolane. La volontà era e rimane quella di unire i produttori per confrontarsi e favorire la diffusione di un prodotto di alta qualità. Inizialmente promosso con il patrocinio del Comune di Asolo, assieme alla Tapa Olearia e alla Pro Loco, il concorso subì un’interruzione nel 2010 per poi riprendere l’anno successivo con il gruppo spontaneo San Martino. Dal 2015 è realizzato con il sostegno del Comune di Asolo. Le prime dodici edizioni del concorso si sono svolte presso l’Antica Osteria al Bacaro. L’ultima edizione del concorso si è svolta invece nella sala consiliare del municipio. Nel corso degli anni la coltivazione degli olivi si è sviluppata largamente: nell’Asolano le piante sono passate da circa duemila alle attuali 23 mila piante. Gli obiettivi futuri sono quelli della crescita in un territorio che riconosce Asolo, come ha comunicato il Ministero delle Politiche Agricole e la Commissione Europea, come sotto zona "Dop Asolo” dell'olio extravergine d'oliva" della Pedemontana del Grappa", marchio che potrà essere utilizzato solo dai produttori di Asolo, Maser, Monfumo, Fonte e Castelcucco. —

E.F.