Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Da Pinarello a Selle Italia I colossi sono trevigiani

La filiera della bici trevigiana è trainata da pochi marchi con numeri importanti e una riconoscibilità mondiale, che come comparto fatturano centinaia di milioni di euro. Uno su tutti: Pinarello....

La filiera della bici trevigiana è trainata da pochi marchi con numeri importanti e una riconoscibilità mondiale, che come comparto fatturano centinaia di milioni di euro. Uno su tutti: Pinarello. Anche se la maggioranza della proprietà è passata dalla storica famiglia al fondo L Catterton, con sede negli Stati Uniti, l’impresa tiene saldamente le radici nel Trevigiano ed è tra le più floride della Marca. La holding punta ai 60 milioni di fatturato, continua a investire e ad alzare l’asticel ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

La filiera della bici trevigiana è trainata da pochi marchi con numeri importanti e una riconoscibilità mondiale, che come comparto fatturano centinaia di milioni di euro. Uno su tutti: Pinarello. Anche se la maggioranza della proprietà è passata dalla storica famiglia al fondo L Catterton, con sede negli Stati Uniti, l’impresa tiene saldamente le radici nel Trevigiano ed è tra le più floride della Marca. La holding punta ai 60 milioni di fatturato, continua a investire e ad alzare l’asticella della crescita. Oggi fornisce gli “attrezzi del mestiere”, cioè i telai, al Team Sky, una delle principali compagini nel mondo delle due ruote.

Nella filiera sono inclusi altri brand noti in tutto il mondo, come Selle Italia di Asolo. L’ultimo dato disponibile riferito al fatturato, al 31 dicembre 2016, è di 18,4 milioni di euro, in leggero calo rispetto all’anno precedente. La sede è a Casella d’Asolo, la società nel 2016 ha acquisito anche la Selle San Marco. Nel campo degli accessori, altro brand vincente è quello di Rudy Project (17 milioni di euro il fatturato 2016), azienda con sede a Treviso e specializzata nella costruzione di caschi, non soltanto per ciclisti (hanno fatto incetta di medaglie anche nel pattinaggio, oltre che in varie competizioni internazionali di ciclismo su strada e su pista).

Infine, il vasto comparto delle calzature: la maggior parte dei ciclisti professionisti a livello internazionale veste Sidi, azienda di Maser produttrice di scarpe e abbigliamento tecnico (anche per i motociclisti). Gaerne di Maser e Northwave di Pederobba (rispettivamente 18 e 21,6 milioni il fatturato 2016) sono altri due colossi del settore. —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI