Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Una scuola su tre con il preside “a scavalco” Boom di reggenze

Dall’asilo al liceo un unico dirigente con migliaia di alunni E c’è anche chi da Mogliano dovrà seguire Burano e Murano 

Lo stesso preside reggente diviso tra due scuole, alle redini di una “partita doppia” messa in gioco dalla scuola italiana. C’è chi si ritrova a guidare scuole che vanno dall’asilo fino al liceo. Passando naturalmente per scuole primarie e medie.

Presidi equilibristi

Dirigenti con la responsabilità di alunni con biberon e pannolino fino ai neodiplomati, future matricole all’università. È l’esito dell’atteso elenco degli incarichi di reggenza per il nuovo anno scolastico, pubblicato ieri nel si ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Lo stesso preside reggente diviso tra due scuole, alle redini di una “partita doppia” messa in gioco dalla scuola italiana. C’è chi si ritrova a guidare scuole che vanno dall’asilo fino al liceo. Passando naturalmente per scuole primarie e medie.

Presidi equilibristi

Dirigenti con la responsabilità di alunni con biberon e pannolino fino ai neodiplomati, future matricole all’università. È l’esito dell’atteso elenco degli incarichi di reggenza per il nuovo anno scolastico, pubblicato ieri nel sito dell’Ufficio scolastico del Veneto. Per le scuole della Marca per l’anno scolastico 2018/19 salgono a 37 le reggenze che vedranno al lavoro altrettanti dirigenti scolastici con doppio incarico. Erano 34 all’avvio dell’anno scolastico precedente. Dal primo settembre ci saranno cinque reggenze in più. Per compensare altrettanti pensionamenti.

Un terzo delle scuole

Tanto che su 104 istituti scolastici in provincia di Treviso più di un terzo delle scuole trevigiane marciano ormai con un preside “a scavalco”. Ma non sono i numeri delle reggenze in aumento a scompigliare gran parte delle carte in tavola nella partita delle assegnazioni degli incarichi. Ma a rimescolare gli equilibri delle reggenze scolastiche quest’anno è anche la grande novità dell’arrivo di più di un preside assegnato a scuole di diverso ordine e grado, dalla scuola dell’infanzia appunto fino alle superiori.

gli incarichi

Così dal primo settembre al timone dell’istituto comprensivo di Carbonera ci sarà come dirigente scolastico, reggente, la preside del liceo Duca degli Abruzzi, Maria Antonia Piva. All’istituto Coletti l’incarico della dirigenza sarà invece assegnato alla preside del liceo Canova, Mariarita Ventura. Al liceo scientifico Da Vinci dal primo settembre i preside sarà p Mario Dalle Carbonare che manterrà la dirigenza pure dell’istituto comprensivo Felissent. La dirigenza dell’istituto comprensivo Martini passa invece ad Antonio Chiarparin che manterrà anche la dirigenza di un altro istituto comprensivo in città, lo Stefanini. Infine la dirigenza dell’istituto comprensivo Serena passa alla preside dell’istituto tecnico Riccati Luzzatti, Luisa Mattana. Reggenze in arrivo anche per i nuovi presidi attesi dal primo settembre al liceo artistico e all’Itis Max Planck. Con la dirigente Emanuela Pol che resterà anche a capo dell’Istituto comprensivo di Villorba e la preside dell’Istituto professionale Besta, Sandra Messina, che dovrà dividersi anche con il liceo artistico.

IL DIRIGENTE IN VAPORETTO

Un’autentica acrobazia spunta dall’elenco. È quella che sarà chiamato a fare il preside Maurizio Grazio, dirigente del liceo Berto di Mogliano chiamato a prendere l’incarico di reggenza addirittura fuori provincia. All’istituto comprensivo delle isole di Burano e Murano.

Alessandra Vendrame

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI