Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Gli imprenditori di Treviso contro il decreto dignità: "Perderemo occasioni di lavoro"

La dura analisi del Presidente Massimo Finco e del Presidente Vicario Maria Cristina Piovesana  in apertura del doppio incontro su novità e criticità del Dl con il giuslavorista Arturo Maresca.  «Cancellate in un colpo riforme bipartisan da Biagi al Jobs Act. I Parlamentari veneti lo correggano» 

 

TREVISO. «Il decreto dignità, se confermato nella sua impostazione, è destinato a incidere in maniera pesantemente negativa sull’occupazione e sulle imprese. Le rigidità che esso introduce, avranno il solo effetto di far perdere le occasioni di lavoro che un’economia sia pure in fragile ripresa sta creando. Col rischio di azzerare una tendenza virtuosa che solo in Veneto ha visto nel primo trimestre 2018 un saldo positivo di 53.200 nuovi posti di lavoro e la crescita dei contratti a tempo in ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

TREVISO. «Il decreto dignità, se confermato nella sua impostazione, è destinato a incidere in maniera pesantemente negativa sull’occupazione e sulle imprese. Le rigidità che esso introduce, avranno il solo effetto di far perdere le occasioni di lavoro che un’economia sia pure in fragile ripresa sta creando. Col rischio di azzerare una tendenza virtuosa che solo in Veneto ha visto nel primo trimestre 2018 un saldo positivo di 53.200 nuovi posti di lavoro e la crescita dei contratti a tempo indeterminato (29.500, +26%), specie per effetto della transizione dai contratti a termine». Insomma, «l’esatto contrario degli obiettivi dichiarati dal decreto», che rende «più incerto e imprevedibile il quadro delle regole» per le imprese. In questo modo «si disincentiva chi ha sempre operato nel rispetto della legge, si perde occupazione, si allontanano gli investitori italiani ed esteri». 
 
L’analisi dura e argomentata, è del Presidente di Assindustria Venetocentro, Massimo Finco e del Presidente Vicario, Maria Cristina Piovesana, che l’hanno ribadita aprendo oggi, martedì 24 luglio, il doppio incontro di studio su “novità normative e criticità del dl dignità”, svoltosi al BHR Treviso Hotel a Quinto di Treviso e al Centro Conferenze alla Stanga di Padova, a cui è intervenuto il giuslavorista Arturo Maresca, Ordinario di Diritto del lavoro all’Università di Roma La Sapienza. 
 
Assindustria Venetocentro Imprenditori Padova Treviso debutta con un incontro dedicato al cosiddetto Decreto Dignità, che giovedì arriverà in aula alla Camera. La nuova Associazione che riunisce 3.400 imprese per 160mila addetti inizia quindi affrontando i temi del lavoro e delle rilevanti modifiche introdotte con il Decreto.
 
Oltre 600 imprenditori e manager delle risorse umane hanno affollato il doppio appuntamento. Una partecipazione ampia, che misura l’esigenza di capire come la nuova normativa inciderà nell’organizzazione quotidiana del lavoro in azienda, con la preoccupazione per i costi aggiuntivi, l’incertezza, le nuove rigidità e il rischio di contenziosi. Ad aprire i lavori sono stati, a Treviso, il Presidente di Assindustria Venetocentro Massimo Finco, e a Padova il Presidente Vicario Maria Cristina Piovesana.   
 
«Non c’era occasione più ‘difficile’ per questo esordio associativo, di quella rappresentata dall’approfondimento di un provvedimento di legge che, se confermato nella sua impostazione originaria, è destinato ad incidere in maniera pesantemente negativa sul lavoro e sull’organizzazione del lavoro delle nostre imprese - dichiara il Presidente Massimo Finco -. Se nelle intenzioni dichiarate, e nel titolo che ne esprime gli intendimenti, vorrebbe restituire dignità al lavoro e ai lavoratori e combattere la precarietà, l’esito ci appare totalmente disallineato rispetto agli obiettivi, figlio di un’altra economia (quella della crisi) che oggi, possiamo dire in via di superamento e figlio di pregiudizi culturali fuori dal tempo». 
 
«Si dichiara di voler combattere la precarietà del lavoro - aggiunge il Presidente Vicario Maria Cristina Piovesana -. Ma quella è stata figlia degli anni di crisi, e non causata da una normativa troppo ‘generosa’ in termini di flessibilità che oggi si vorrebbe cancellare.
 
Oggi l’economia si è ripresa, e affrontare in questo modo la presunta precarietà con la memoria del passato, significa illudersi, ancora una volta, che sia un provvedimento di legge a creare il lavoro. Non è mai stato così, non è così e non lo sarà. Il lavoro lo creano un’economia in
 
crescita e le imprese. Purtroppo, le rigidità che questo decreto legge introduce, avranno solo l’effetto di far perdere le occasioni di lavoro che un’economia in lenta ripresa sta creando». 
Peraltro, ricordano gli imprenditori di Padova e Treviso, gli occupati a tempo determinato sono molti meno rispetto agli altri Paesi europei. In Italia il 14,5%, in Francia e Svezia il 16,9%, nei Paesi Bassi il 21,8%. Tutti Paesi con un tasso di occupazione superiore al nostro. 
 
«Quella che emerge dal decreto è una visione ideologica, pregiudiziale e antica, ostile alle imprese e ad una moderna politica industriale - continua Massimo Finco -. Imprese e imprenditori che vengono percepiti in mala fede e approfittatori verso i lavoratori e i giovani. Esattamente il contrario di quanto l’evidenza e la nostra esperienza quotidiana testimoniano. Certo, potranno esserci state situazioni irregolari, ma costruire una regolazione sulle eccezioni di abuso per andare a penalizzare tutta un’economia positiva, crediamo sia assolutamente sbagliato e dannoso. In questo modo si disincentiva chi ha sempre operato nel rispetto della legge, si perde occupazione (come alcuni autorevoli istituti hanno già paventato) e si allontanano gli investitori italiani ed esteri». 
«Oggi l’economia 4.0 sta superando le categorie di spazio e di tempo che hanno fin qui regolato il lavoro - afferma Maria Cristina Piovesana -. Infatti, i concetti di luoghi di lavoro e di orari di lavoro sui quali in questi decenni si è basata la disciplina sia legale che contrattuale del lavoro, sono sempre più destinati ad essere superati». 
 
Questo decreto insomma, concludono Finco e Piovesana, «riporta le lancette della normativa ad un tempo e ad un lavoro che non ci sono più. E cancella in un sol colpo un percorso riformista bipartisan, quello di Marco Biagi, di Tiziano Treu, Maurizio Sacconi e del Jobs Act, che in questi anni ha valorizzato e disciplinato tutte le forme di lavoro, anche temporanee, che prima ricadevano invece nel lavoro nero. Quello sì indegno e precario». 
 
Per questo, «abbiamo rivolto uno specifico invito a tutti i Parlamentari veneti ad intervenire, in sede di conversione del decreto, per apportare i necessari correttivi ad un provvedimento che consideriamo profondamente sbagliato e dannoso per l’occupazione, in particolare dei più giovani.
 
Lo chiediamo quali rappresentanti di 3.400 imprese che danno lavoro ad almeno 160mila persone. Sono imprese che creano lavoro, un lavoro degno e importante già adesso, che dà ricchezza, opportunità, prospettive a una grande comunità, che noi orgogliosamente rappresentiamo, così come lo fanno i Parlamentari del nostro territorio, con i quali ci vogliamo confrontare».