Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Al lavoro uno stradino per 1700 famiglie «Serve più personale»

ARCADE. «La carenza di personale ci sta facendo soffrire, e non poco: proviamo a dare il massimo, ma è davvero difficile». Le parole sono quelle di Domenico Presti, primo cittadino di Arcade, che in...

ARCADE. «La carenza di personale ci sta facendo soffrire, e non poco: proviamo a dare il massimo, ma è davvero difficile». Le parole sono quelle di Domenico Presti, primo cittadino di Arcade, che in queste settimane sta facendo i conti con alcuni delicati passaggi legati all’organico del proprio municipio. Il rischio maggiore? Che l’ufficio segreteria e protocollo resti sguarnito per un periodo ed allo stesso tempo che le manutenzioni nel territorio rasentino il minimo. I cittadini ad Arcade ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ARCADE. «La carenza di personale ci sta facendo soffrire, e non poco: proviamo a dare il massimo, ma è davvero difficile». Le parole sono quelle di Domenico Presti, primo cittadino di Arcade, che in queste settimane sta facendo i conti con alcuni delicati passaggi legati all’organico del proprio municipio. Il rischio maggiore? Che l’ufficio segreteria e protocollo resti sguarnito per un periodo ed allo stesso tempo che le manutenzioni nel territorio rasentino il minimo. I cittadini ad Arcade sono circa 4500, per un totale di 1700 famiglie, alle quali Presti non nasconde le difficoltà. «Abbiamo appena nove dipendenti totali. La prossima settimana arriverà il decimo, ma poi a settembre ne perderemo due, poiché hanno vinto concorsi in altre realtà, stiamo facendo i salti mortali per integrarli e la burocrazia non aiuta» spiega il sindaco, «al momento abbiamo a disposizione un solo dipendente per i lavori pubblici che opera un solo giorno a settimana, insufficiente per tutto il territorio. Il paese, su questo aspetto, è in emergenza eppure la legge ci permette di assumere uno stradino solo dal gennaio 2019».

E sono proprio le convenzioni attivate da Presti con le istituzioni (Tribunale e casa circondariale su tutti) ad aver permesso in questi anni la manutenzione di strade e parchi. «È stata una corsa ai ripari, pur positiva, anche come occasione di riscatto per le persone» analizza a riguardo il sindaco, «ora ci stiamo adoperando per affiancare temporaneamente una figura all’attuale dipendente della segreteria, in modo che in caso non arrivi il sostituto in tempo l’ufficio sia a disposizione dei cittadini, sono loro il mio primo pensiero». –

A. B. V. . BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.