Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Aziende chiuse per lutto venerdì per la morte di Carlo Benetton: il funerale al duomo di Treviso

Carlo Benetton, dopo la diagnosi della malattia, aveva deciso di intraprendere un percorso di cure tra la Spagna e gli Stati Uniti. Alle 10 al duomo il funerale

PONZANO. Si fermeranno per una giornata di lutto, venerdì prossimo, data del funerale di Carlo Benetton (ore 10, duomo di Treviso), le attività degli stabilimenti produttivi di Benetton Group di Castrette di Villorba e di Olimpias, a Ponzano Veneto, oltre che quelle del quartier generale di Villa Minelli, sempre a Ponzano.
   
La cerimonia funebre si svolgerà alle 10 nel duomo di Treviso, che si trova dirimpetto alla nuova sede di Edizione, la holding della famiglia Benetton. La partecipazione ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

PONZANO. Si fermeranno per una giornata di lutto, venerdì prossimo, data del funerale di Carlo Benetton (ore 10, duomo di Treviso), le attività degli stabilimenti produttivi di Benetton Group di Castrette di Villorba e di Olimpias, a Ponzano Veneto, oltre che quelle del quartier generale di Villa Minelli, sempre a Ponzano.
   
La cerimonia funebre si svolgerà alle 10 nel duomo di Treviso, che si trova dirimpetto alla nuova sede di Edizione, la holding della famiglia Benetton. La partecipazione attesa al funerale è  molto numerosa, data anche l'affluenza registrata solo pochi mesi fa, in febbraio, in occasione delle esequie di Fioravante Bertagnin, marito di Giuliana Benetton, sorella di Carlo.
 
Carlo Benetton, dopo la diagnosi della malattia, aveva deciso di intraprendere un percorso di cure tra la Spagna e gli Stati Uniti, ma dopo poco tempo è stato chiaro che l’esito non era quello sperato: il male si è ri rivelato particolarmente aggressivo, e non recedeva. 
 
 
E così Carlo ha deciso di dirlo ai figli e ai fratelli. «Ha voluto proteggere i suoi cari fino all’ultimo», dice una fonte vicino alla famiglia . Eppure, tutti lo hanno visto continuare a seguire le sue aziende. Fino all’ultimo, fin che ha potuto, non ha ceduto di un millimetro. Nell’ultimo mese il quadro clinico è via via peggiorato. Per i suoi ultimi giorni ha scelto la villa sui passeggi di via Vittorio Veneto, a pochi passi da porta San Tomaso. La villa che ha voluto intitolare a Rosa, la mamma-mito dei quattro fratelli trevigiani.
 
E’ spirato ieri mattina, poco prima delle 9, attorniato dai figli e dai familiari. «In un’ atmosfera di altissima spiritualità», sottolinea don Adelino Bortoluzzi, parroco di Santa Maria del Rovere che aveva Carlo come parrocchiano. Discrezione assoluta anche davanti alla villa, sin dalla tarda mattinata quando la notizia del decesso ha invaso la città.