Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Migotto e Ciscato, amici da un secolo

Arcade, un grande pranzo con ottanta persone ha sancito il rapporto tra le due famiglie

ARCADE. I Migotto di Arcade e i Ciscato di Malo: un’amicizia lunga un secolo tra le due famiglie; che pochi giorni fa è stata sancita da un grande pranzo a casa Migotto. «Sono passati 100 anni da quando le due famiglie si sono conosciute durante la Grande Guerra», spiega Silvana Migotto, «e in questi decenni è come fossimo diventati parenti». Il papà e il nonno di Silvana, Giovanni Battista detto Giobatta, furono mandati a lavorare a Malo, pochi chilometri a sud dell’altopiano di Asiago dura ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ARCADE. I Migotto di Arcade e i Ciscato di Malo: un’amicizia lunga un secolo tra le due famiglie; che pochi giorni fa è stata sancita da un grande pranzo a casa Migotto. «Sono passati 100 anni da quando le due famiglie si sono conosciute durante la Grande Guerra», spiega Silvana Migotto, «e in questi decenni è come fossimo diventati parenti». Il papà e il nonno di Silvana, Giovanni Battista detto Giobatta, furono mandati a lavorare a Malo, pochi chilometri a sud dell’altopiano di Asiago durante la Grande Guerra.

Trovarono ospitalità proprio dalla famiglia Ciscato, con cui nel tempo si è creato un legame diventato indissolubile. «Solo il tempo e il decesso negli ultimi anni di alcuni sta assottigliando il gruppo, ma resistiamo», continua Silvana. Pochi giorni fa nel grande pranzo ad Arcade erano in 80. La gran parte della famiglia Migotto, «siamo originari di Fontanellette, ma i nostri avi si spostarono a inizio del 900 ad Arcade e qui siamo rimasti». La grande casa colonica della famiglia è ancora li ad Arcade, divisa in due case abitate sempre da nipoti e pronipoti. Durante il pranzo si andava dai 90 anni ai bambini.

Da Malo «è arrivata una Ciscato di 93 anni. Si è fatta portare dal medico dal figlio prima di partire per avere il via libera. Non voleva proprio mancare», continua Silvana. Le due famiglie si sono già date appuntamento al 2019, nella speranza di essere ancora 80, e perché no, magari anche qualcuno in più grazie ai pronipoti. Un’amicizia quella tra i Migotto e i Ciscato nata attorno alle disgrazie di una guerra, ma che è stata in grado di superare anche un seconda conflitto mondiale. Il primo di loro era nato sotto l’Impero austro-ungarico e ora sente parlare di Unione Europea e indipendenza del Veneto. Due famiglie che con la loro amicizia sono una testimonianza vivente della storia del paese. (f.c.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.