Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Paderno, la dedica del Papa sul ritratto di Nino

Uno studente tredicenne di Paderno ha disegnato il pontefice, che ha risposto ringraziando tutto l’istituto Filippin  

PADERNO DEL GRAPPA. Ritrae papa Francesco in un disegno e il pontefice lo autografa. È la storia del giovanissimo Nino Gasperini, che frequenta la seconda media all'Istituto Filippin di Paderno. Un suo disegno dove ritrae il Papa mentre scrive il Padre Nostro è arrivato in Vaticano, e il pontefice ha autografato con una dedica il disegno dello studente. Il 13enne ha dunque ritratto il Santo Padre che scrive la famosa preghiera con una piuma d'oca. Scrive mentre le parole volano via leggere e ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

PADERNO DEL GRAPPA. Ritrae papa Francesco in un disegno e il pontefice lo autografa. È la storia del giovanissimo Nino Gasperini, che frequenta la seconda media all'Istituto Filippin di Paderno. Un suo disegno dove ritrae il Papa mentre scrive il Padre Nostro è arrivato in Vaticano, e il pontefice ha autografato con una dedica il disegno dello studente. Il 13enne ha dunque ritratto il Santo Padre che scrive la famosa preghiera con una piuma d'oca. Scrive mentre le parole volano via leggere e formano una colomba.



“Ai bambini della Scuola Padre Filippin, ringraziando per aver dipinto con il cuore la preghiera che abbiamo imparato da piccoli. Per favore, pregate per me. Con la mia benedizione (Francesco)". Queste sono state le parole del Papa che sono arrivate dritte al cuore di tutti. Una grande soddisfazione per tutti gli 88 studenti della scuola media e degli insegnanti.

«Le parole di papa Francesco giungono alla soglia del tricentenario della morte del nostro fondatore», spiega il direttore generale de “La Salle International Campus – Istituti Filippin”, il professor Sileno Rampado, «e poi ci sono tanti eventi come anche i 60 anni della direzione dell’Istituto da parte dei Fratelli, l’attesissima 50esima edizione dei giochi lasalliani e l’imminente celebrazione dei 50 anni della costituzione dell’Associazione ex alunni».

La notizia è arrivata fino ai palazzi della Regione dove l’assessore all’Istruzione, Elena Donazzan, non ha nascosto la sua emozione: «La penna di papa Bergoglio, su un lavoro uscito dalla nostra scuola veneta, è un grande privilegio. Sono onorata di questo orgoglioso invito rivolto agli alunni delle medie del Filippin che ho incontrato qualche settimana fa durante l’apertura dei Giochi Lasalliani».

E alla chiusura dell'anno scolastico la dedica di Francesco è come « una benedizione», sottolinea il professor Sandro Pozza, da tre anni responsabile della scuola media: «Mi piacciono due piccolissimi dettagli: Francesco scrive ‘bambini’, quando la fascia della scuola media è quella di ragazzi-adolescenti ed è un invito a sentirci sempre piccoli, umili, come bambini in braccio al loro papà. E poi la dedica ‘della Scuola Padre Filippin” perché è la prima volta che sento questa dicitura, di solito si sente “Mons. Filippin”, e pure questo potrebbe essere un invito a non dimenticarci mai delle nostre radici».