Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Starbucks, un'azienda di Treviso per il primo store italiano

Bilancio 2017 di Carron: l’azienda di San Zenone vede crescere gli utili da 4,1 a 7,3 milioni A Milano il cantiere per il nuovo punto vendita della catena americana del caffè

SAN ZENONE. Il fatturato di Carron, colosso dell’edilizia di San Zenone degli Ezzelini, tocca quota 184 milioni di euro nel 2017. Migliora l’utile: 7,3 milioni di euro, a fronte dei 4,1 milioni dell’esercizio precedente. Buoni risultati grazie a un portafoglio ordini che sfiora, oggi, i 505 milioni di euro.

Un’opera, in particolare, è a suo modo storica: il gruppo, guidato dal presidente Diego Carron, ha restaurato l’ex Palazzo delle Poste di Milano, destinato a diventare - in autunno - il pr ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

SAN ZENONE. Il fatturato di Carron, colosso dell’edilizia di San Zenone degli Ezzelini, tocca quota 184 milioni di euro nel 2017. Migliora l’utile: 7,3 milioni di euro, a fronte dei 4,1 milioni dell’esercizio precedente. Buoni risultati grazie a un portafoglio ordini che sfiora, oggi, i 505 milioni di euro.

Un’opera, in particolare, è a suo modo storica: il gruppo, guidato dal presidente Diego Carron, ha restaurato l’ex Palazzo delle Poste di Milano, destinato a diventare - in autunno - il primo punto vendita italiano firmato Starbucks, la notissima catena americana di caffetterie.

Il negozio si trova in piazzale Cordusio (non lontano dal Duomo di Milano), ed è di proprietà della società Kryalos Spa. Dopo il restauro di Carron, già ultimato, diventerà la più grande caffetteria del marchio americano in Europa.

Un altro cantiere destinato a lasciare il segno, stavolta tutto trevigiano, è quello per la costruzione della Cittadella della Salute, a due passi dall’ospedale. Mentre fra le più importanti commesse del 2017 compaiono anche l’ampliamento del Franciacorta Outlet Village di Brescia e il Gucci ArtLab a Scandicci (Firenze). L’intenzione del gruppo è di continuare a investire gli utili conseguiti nel 2017 nello sviluppo sostenibile nel lungo periodo.

«Sulla base delle commesse in portafoglio per il 2018 è prevista una produzione di circa 190 milioni di euro» spiega il presidente Diego Carron, «tra i driver dello sviluppo c’è l’applicazione delle tecnologie più all’avanguardia nei nostri cantieri. Abbiamo intrapreso un procedimento di digitalizzazione che consente a tutti gli attori coinvolti nei vari progetti di comunicare utilizzando una comune interfaccia, il Bulding Information Modeling, che è la risposta del settore delle costruzioni alla diffusione delle information technologies, garantendo così un’ottimale coordinamento tra committenti, progettisti, produttori e lavoratori dell’impresa».

L’azienda occupa circa duecento dipendenti nella sede trevigiana, un migliaio se si considerano tutti gli addetti dell’indotto. Tra le iniziative di welfare ci sono i check up e le mammografie gratuite per le dipendenti, oltre a vari investimenti nel sociale. Il Gruppo Carron partecipa alla Fondazione Altre Parole onlus per l’umanizzazione delle cure oncologiche, e insieme ad altre 24 realtà della Pedemontana veneta ha fondato Elios, una nuova onlus al servizio dell’Usl 7 Pedemontana.