Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Truffa dello specchietto Colpo a Breda

BREDA DI PIAVE. Settantottenne seguito fino a casa e raggirato con la truffa dello specchietto. L’ignaro pensionato G. F. di Pero, che vive da solo, consegna sull’unghia ben 400 euro e il truffatore...

BREDA DI PIAVE. Settantottenne seguito fino a casa e raggirato con la truffa dello specchietto. L’ignaro pensionato G. F. di Pero, che vive da solo, consegna sull’unghia ben 400 euro e il truffatore se ne va sgommando. Il fatto è accaduto venerdì scorso attorno alle ore 11. Il pensionato a bordo della sua A1 di colore rosso, come fa quasi tutte le mattine da anni, si è recato a prendere il pane al panificio di via Garibaldi e a fare ulteriori spese in altri negozi nel centro della frazione. ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

BREDA DI PIAVE. Settantottenne seguito fino a casa e raggirato con la truffa dello specchietto. L’ignaro pensionato G. F. di Pero, che vive da solo, consegna sull’unghia ben 400 euro e il truffatore se ne va sgommando. Il fatto è accaduto venerdì scorso attorno alle ore 11. Il pensionato a bordo della sua A1 di colore rosso, come fa quasi tutte le mattine da anni, si è recato a prendere il pane al panificio di via Garibaldi e a fare ulteriori spese in altri negozi nel centro della frazione. Fatti gli acquisti, l’anziano sale a bordo della sua utilitaria e si avvia verso la sua abitazione in via Vittoria.

Non fa in tempo, però, a scaricare le borse degli acquisti, che vede spuntare alle sue spalle una Punto di colore celeste chiaro. Dalla vettura scende un uomo, dall’apparente età di 40 anni e che parlava un italiano perfetto, che subito accusa l’anziano di aver colpito lo specchietto della sua auto durante una manovra effettuata poco prima in centro a Pero. Chiamare i carabinieri o l’assicurazione? Macchè, meglio un bonario accordo per evitare le beghe burocratiche, è stato il solito copione, e allora ecco la richiesta rivolta al malcapitato di ben 400 euro, perché lo specchietto rotto “era particolare”. (g.p.)