Quotidiani locali

Arriva il Giro, venerdì a Treviso scuole chiuse alle 12 e niente bus

Arriva a Treviso il Giro d’Italia: una grande festa con qualche, fisiologico, inconveniente logistico e legato ai parcheggi ma soprattutto alla viabilità. Inconvenienti come la forzata chiusura

TREVISO. Arriva a Treviso il Giro d’Italia: una grande festa con qualche, fisiologico, inconveniente logistico e legato ai parcheggi ma soprattutto alla viabilità. Inconvenienti come la forzata chiusura anticipata di tutte le scuole del capoluogo, che dovrà quindi fare i conti con disagi legati al trasporto scolastico.

Ca’ Sugana avverte infatti tutte le famiglie dei ragazzi che frequentano gli istituti del capoluogo, e quindi dentro e fuori le mura, di ogni ordine e grado, soprattutto se vivono in altri Comuni: le scuole venerdì chiuderanno tutte alle 12, un’ora e passa prima del passaggio della carovana rosa, una spazio di tempo troppo risicato per permettere un servizio efficiente del trasporto scolastico.

«Come da disposizioni della prefettura», si legge in una nota del Comune, «la polizia locale informa che venerdì 18 maggio tutte le scuole di ogni ordine e grado nel Comune di Treviso anticiperanno la chiusura alle ore 12. Ma a causa della chiusura delle strade fino dalle ore 13,30, Mobilità di Marca (Mom) sarà impossibilitata a svolgere il servizio di trasporto scolastico. L’anticipazione alle 12 permetterà solo il trasporto degli studenti la mattina a scuola».

Ma per la loro uscita dovranno entrare in gioco i genitori o comunque i parenti degli studenti automuniti. «Visto l’orario del transito della carovana rosa», continua e conclude la nota diramata ieri

del Comune, «anche le scuole che fanno il tempo pieno non potranno essere raggiunte dal trasporto scolastico poiché le strade verranno riaperte 15 minuti dopo il passaggio dei ciclisti del Giro d’Italia, e quindi non prima delle 16».

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori