Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Quattro le onorificenze Genti della Piave

BREDA DI PIAVE. Valentino Grespan (alla memoria), già vicesindaco, Benevunto Pasqualini, podista, Gerolamo Da Ros, agricoltore, Giorgio De Vidi, panificatore, e la famiglia Spadari. Sono i cinque...

BREDA DI PIAVE. Valentino Grespan (alla memoria), già vicesindaco, Benevunto Pasqualini, podista, Gerolamo Da Ros, agricoltore, Giorgio De Vidi, panificatore, e la famiglia Spadari. Sono i cinque cittadini ritenuti meritevoli di ricevere l’Onorificenza “Genti della Piave”, istituita dal Comune per premiare persone che si sono distinte nei diversi campi e attività. Il premio consiste in una medaglia d’oro. Valentino Grespan, scomparso il 6 gennaio 2018 a 73 anni, è stato assessore allo Sport ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

BREDA DI PIAVE. Valentino Grespan (alla memoria), già vicesindaco, Benevunto Pasqualini, podista, Gerolamo Da Ros, agricoltore, Giorgio De Vidi, panificatore, e la famiglia Spadari. Sono i cinque cittadini ritenuti meritevoli di ricevere l’Onorificenza “Genti della Piave”, istituita dal Comune per premiare persone che si sono distinte nei diversi campi e attività. Il premio consiste in una medaglia d’oro. Valentino Grespan, scomparso il 6 gennaio 2018 a 73 anni, è stato assessore allo Sport dal 1997 al 2002, vicesindaco e assessore allo Sport dal 2002 al 2007 e assessore all’ecologia e all’associazionismo dal 2007 al 2012, appassionato di ciclismo e fondatore del Gds Mosole nel 1975. Pasqualini, classe 1934, con alle spalle un palmarès invidiabile nel podismo, iniziò a gareggiare a 50 anni e a 80 ha conquistato a Grosseto, ai campionati europei di corsa dedicati al master, l’oro nei 10 chilometri. Da Ros, classe 1923, agricoltore; Giorgio De Vidi, classe 1937 fu panificatore e dirigente dell’Ardita Pero. La famiglia Spadari cura l’area del Molino della Sega. Galliano Pillon