Quotidiani locali

Schianto ad Assisi, Nadia e il compagno erano in pellegrinaggio

Treviso. Nadia Toniolo, 60 anni il prossimo 27 settembre, è morta proprio durante quel viaggio atteso, uno dei tanti assieme al compagno Pietro Lorenzon

TREVISO.Dovevano essere tre giorni di serenità. Lo sono stati fino a poco prima del rientro nella Marca. Nadia Toniolo, 60 anni il prossimo 27 settembre, è morta proprio durante quel viaggio atteso, uno dei tanti assieme al compagno.

A San Biagio, ad Olmi in particolare, Nadia era molto conosciuta. Così come negli ambienti del Ca’ Foncello, dove lavorava da tempo nelle strutture dell'azienda Serenissima Ristorazione. In paese, dove la notizia dell'incidente che ha colpito la coppia si è sparsa già dopo un paio d'ore, sono ancora tutti increduli. Così come i due figli della donna ed il fratello, avvisati tempestivamente dell'accaduto.

Il sorriso di Nadia, nonna anche di tre nipoti, a cui si dedicava più volte durante la settimana per aiutare i figli, sapeva fare la differenza. L'aveva fatta anche 5 anni fa, quando si era avvicinata a Pietro Lorenzon, 76 anni, due figli 40enni e vedovo da circa 8 anni. Lorenzon, ancora ricoverato all'ospedale di Perugia (da dove sarà probabilmente dimesso domani) era conosciuto da tutti come Piero, ex comandante della Polizia locale di San Biagio nonchè ancora titolare di un'agenzia immobiliare ad Olmi.

Una personalità attiva nella “sua” frazione in particolare, che negli ultimi anni aveva coinvolto anche Nadia nel suo attivismo nel campo sociale, in parrocchia in particolare. Il primo cittadino Alberto Cappelletto, tra l'altro amico della coppia, si fa portavoce del cordoglio della comunità. «Il dispiacere ed il cordoglio sono enormi, la notizia ci ha lasciato senza parole» commenta il sindaco, «ci conoscevamo da tempo ed il legame che mi lega a Piero mi ha fatto avvicinare ovviamente anche a Nadia, una persona solare e disponibile. Dispiace molto, davvero».

La sessantenne di San Biagio di Callalta è una delle due vittime del tragico incidente stradale, avvenuto nel primo pomeriggio di domenica 15 aprile, in Umbria, a pochi chilometri da Perugia ed Assisi. L’altro morto è un pensionato del posto. Nell’incidente sono rimaste ferite altre quattro persone tra le quali anche il suo compagno, Pietro Lorenzon, 76 anni.

L’incidente stradale è avvenuto poco prima delle 13 tra i paesi di Colle e Passaggio di Bettona, lungo una strada provinciale in pendenza, a pochi chilometri da Assisi. A scontrarsi due auto, una Volkswagen Touran, e una Fiat 600. Nella prima auto viaggiava la coppia di San Biagio, assieme a due amici, marito e moglie, di fuori regione.

L’incidente stradale è avvenuto mentre il conducente della Touran, sulla quale viaggiavano Nadia Toniolo e Pietro Lorenzon, stava effettuando una manovra in un parcheggio in località Bettona, a quattro chilometri da Assisi. All’improvviso sulla Touran è piombata una Fiat 600, grigio metalizzato, vecchio modello, guidata da un anziano di 86 anni, residente a Torgiano, un centro della provincia di Perugia.

La Fiat dell’anziano di Torgiano s’è letteralmente schiantata sulla Volkswagen Touran, che dal colpo s’è ribaltata, ruote all’aria. Purtroppo per Nadia Toniolo, che era seduta sul sedile posteriore destro della Touran, non c’è stato nulla da fare. Le manovre di rianimazione effettuate dai sanitari del 118 non sono purtroppo servite.

Stando ai primi rilievi dei carabinieri della compagnia di Assisi, l’anziano scendeva dal Colle di Bettona e, forse a causa di un malore, ha perso il controllo del mezzo prendendo in pieno la vettura delle due coppie di turisti impegnata in una manovra. La dinamica è tuttora al vaglio dei carabinieri.

Sul colpo, oltre alla sessantenne di San Biagio di Callalta è morto anche l’anziano che era alla guida della Fiat 600. Le altre quattro persone coinvolte nell’incidente, tre a bordo della Touran ed un passeggero della Seicento, sono state trasportate all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia dalle tre ambulanze arrivate sul luogo della tragedia. Le condizioni degli altri feriti, tra cui quelle dell’ex comandante dei vigili di San Biagio Lorenzon sono serie ma nessuno sarebbe in pericolo di vita.

Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco del comando provinciale di Madonna Alta, i carabinieri della compagnia di Assisi.

Nadia Toniolo lavorava per un’azienda che fornisce pasti e fa pulizie al Ca’ Foncello ed aveva figli che sono stati immediatamente avvisati della tragedia. Molto conosciuto a San Biagio anche Lorenzon, padre di due figli, ex comandante dei vigili del paese, immobiliarista ed anche arbitro di calcio. La coppia era andata ad Assisi per un weekend di pellegrinaggio. Erano partiti venerdì mattina e sarebbero dovuti tornare ieri sera.


 

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik