Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Le schede, come si vota in provincia di Treviso

Treviso. Simboli e nomi collegio per collegio della Marca. Le istruzioni per il “Rosatellum”

Senato. Collegio Treviso, Conegliano, Vittorio
Senato. Castelfranco, Montebelluna, Belluno
Camera. Collegio Montebelluna, Asolo, Pieve di Soligo
Camera. Collegio Castelfranco
Camera. Conegliano, Vittorio, Oderzo
Camera. Treviso, Mogliano
Elezioni 2018: le schede, i nomi, ecco come si vota in provincia di Treviso

TREVISO. Mancano pochi i giorni alle elezioni, ormai è formalmente definita la “griglia” della competizione. La prefettura ha pubblicato i fac-simile delle schede, con i candidati e i simboli così come li troveranno gli elettori domenica 4 marzo. In questa pagina le pubblichiamo, collegio per collegio per quanto riguada la provincia di Treviso. Ma non è chiaro a tutti come il 'Rosatellum' abbia modificato gli effetti del segno tracciato sulla scheda. Ecco le regole.

Al seggio l'elettor ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Senato. Collegio Treviso, Conegliano, Vittorio
Senato. Castelfranco, Montebelluna, Belluno
Camera. Collegio Montebelluna, Asolo, Pieve di Soligo
Camera. Collegio Castelfranco
Camera. Conegliano, Vittorio, Oderzo
Camera. Treviso, Mogliano
Elezioni 2018: le schede, i nomi, ecco come si vota in provincia di Treviso

TREVISO. Mancano pochi i giorni alle elezioni, ormai è formalmente definita la “griglia” della competizione. La prefettura ha pubblicato i fac-simile delle schede, con i candidati e i simboli così come li troveranno gli elettori domenica 4 marzo. In questa pagina le pubblichiamo, collegio per collegio per quanto riguada la provincia di Treviso. Ma non è chiaro a tutti come il 'Rosatellum' abbia modificato gli effetti del segno tracciato sulla scheda. Ecco le regole.

Al seggio l'elettore maggiore di 25 anni riceve due schede, una per la Camera e una per il Senato. Chi ha meno di 25 anni riceve la sola scheda per la Camera. I modelli delle due schede sono identici: recano il nome del candidato nel collegio uninominale e, per il collegio plurinominale, il contrassegno di ciascuna lista o coalizione di liste ad esso collegate. A fianco dei contrassegni delle liste sono riportati i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale.

Si vota tracciando un segno sul rettangolo che contiene il contrassegno della lista e i nomi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale tanto ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale quanto a favore della lista nel collegio plurinominale. Qualora il segno sia tracciato solo sul nome del candidato nel collegio uninominale, il voto è comunque valido anche per la lista collegata. Se l'elettore traccia un segno sul rettangolo contenente il nominativo del candidato del collegio uninominale e un altro segno sul sottostante rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale, il voto è comunque valido a favore sia del candidato uninominale sia della lista. Lo stesso avviene se si traccia un segno sul contrassegno e un altro segno sulla lista di candidati nel collegio plurinominale della stessa lista.

Ma attenzione: il voto disgiunto non è ammesso. Quindi, se si traccia un segno sul rettangolo contenente il nominativo del candidato uninominale e un altro segno su un rettangolo contenente il contrassegno di una lista alla quale il candidato non è collegato, il voto è nullo.