Quotidiani locali

Treviso contro il Friuli: «Quel tiramisù è con la panna, il record non vale»

Treviso. La Confraternita contesta il maxi dessert da 266 metri dei friulani: «L’ingrediente non è ammesso»

TREVISO. «Ma quale record, hanno usato la panna al posto del mascarpone per fare prima!». La polemica (l’ennesima) sul fronte veneto-friulano del tiramisù è servita. A insorgere stavolta è la Confraternita del Tiramisù di Annibale Toffolo, trevigiano doc, che contesta il record mietuto domenica dai pasticceri di Villesse (Gorizia).

Che, nel farsi certificare il loro tiramisù di 266,90 metri dal Guinness dei primati come il più lungo del mondo, hanno commesso un errore imperdonabile agli occhi dei puristi: utilizzare, assieme al mascarpone, anche 400 chilogrammi di panna. Un affronto, per chi ha fatto del tiramisù (originale) se non una ragione di vita, comunque un patrimonio da difendere a spada tratta.

Tiramisù indigesto per Treviso: Zaia e Puppato litigano Il Friuli ha scippato a Treviso il riconoscimento di "Prodotto tradizionale" per il tiramisù: secondo Laura Puppato è colpa di Zaia, che doveva presentare la relativa domanda al Ministero. E sul tiramisù Zaia e Puppato, lunedì mattina, hanno litigato a favore di telecamere


«La ricetta originale parla chiaro» spiega Toffolo, della Confraternita, «un dolce che prevede la panna tra i propri componenti non può chiamarsi tiramisù. La panna poi è un’invenzione moderna, più recente rispetto al tiramisù. È stata utilizzare per facilitare il compito, ma non si può. Vale per i veneti e anche per i friulani». Anche - nel caso specifico - per i “bisiacchi”, originari dell’area di Gorizia. Vallo a spiegare agli oltre trenta pasticceri bisiacchi che per otto ore hanno lavorato al tiramisù dei record, consumando - oltre alla contestatissima panna - 400 chili di mascarpone, 48 mila savoiardi, 420 litri di caffè, 200 chili di zucchero, 3 mila uova, 47 litri di marsala. Che spreco, verrebbe da dire, se il super dolce sarà davvero rimosso dal Guinness dopo il “ricorso” trevigiano.

Tiramisù world cup a Treviso: ecco al lavoro gli aspiranti masterchef del dolce più famoso TREVISO. Il tiramisù oggi e domani avrà la sua prima vera competizione mondiale proprio da dove, si narra, lo storico “tiramesù” spiccò il volo prima di diventare un simbolo dello Stivale gastronomico e zuccherino a livello planetario. «Treviso, come già detto in altre occasioni, è la capitale morale del tiramisù», ha sottolineato il sindaco, Giovanni Manildo presentando l’evento. «Gli appuntamenti con questo dolce, in città e ora anche nelle zone limitrofe della nostra provincia, non finiscono mai: adesso siamo arrivati addirittura alla World Cup, un successo straordinario che ci rende orgogliosi di poter essere i portabandiera e i detentori del primato su uno dei grandi classici della pasticceria». L'ARTICOLO


Certo che - comunque vada a finire - il Friuli ha messo il cappello su un’altra iniziativa legata al tiramisù, scippandola al Veneto che ne reclama i natali. Un altro smacco dopo averlo inserito tra i “Prodotti tipici friulani”, facendo arrabbiare Zaia e i trevigiani, e sollevando un incidente diplomatico che richiese addirittura l’intervento del ministro per le Politiche agricole, Maurizio Martina. La Confraternita non entra nella disputa: «Noi vogliamo solo tutelare il prodotto originale» spiega Toffolo, «e sa cosa le dico? Ho visto i documenti che fanno risalire la nascita del dessert a Gorizia. E sono attendibili tanto quanto i nostri. La verità storica è difficile da stabilire, in un certo senso hanno ragione entrambe le parti. Immagino, tra qualche tempo, di organizzare un grande dibattito sul tema, confrontando le tesi venete e quelle friulane, e invitando tutti a un tavolo di confronto. Per adesso i campanili non ci interessano». Quel record, però, proprio non gli è andato giù: «Mi chiedo, infine, quale sia il senso di queste iniziative. Se poi qualcuno va sopra le righe, come in questo caso, è nostro compito denunciarlo».


 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon