Quotidiani locali

Anziana derubata sulla tomba del marito a Montebelluna

Ma la telecamera che vigila all’interno del camposanto è fuori servizio. Il sindaco: «L’aggiusteremo»

MONTEBELLUNA. Aveva lasciato la borsa appoggiata sulla tomba del marito ed era andata a cambiare l’acqua dei fiori. Ma al ritorno l’amara sorpresa: non ha più trovata la borsa, sparita, rubata. All’interno effetti personali e un po’ di soldi in contanti. Tanto scoramento da parte della donna che si è trovata senza borsa dopo che si era allontanata per breve tempo dalla tomba del coniuge scomparso.

Il furto è avvenuto ieri mattina nel cimitero di Montebelluna, vittima un’anziana che si era recata a pregare sulla tomba. Ha provato a chiedere al custode se avesse visto chi aveva preso la sua borsa, ma alla fine non le è rimasto altro da fare che andare a denunciare il furto subito. Probabilmente pensava che in un luogo sacro come un cimitero non ci fosse il rischio di essere derubati. Invece anche lì, nel cimitero di via XI Febbraio, i furti non mancano. Il più delle volte sono i fiori a sparire, ma la stessa fine fanno anche le borse se vengono lasciate incustodite.

Evidentemente c’è sempre chi è pronto ad approfittare della distrazione di chi va a pregare sulla tomba di un proprio caro, per rubare. Ci sarebbe anche una telecamera che guarda all’interno del cimitero, una delle quattro collocate nell’area cimiteriale: tre all’esterno e una all’interno, ma si tratta di una telecamera fissa e inquadra solo una parte dell’interno del camposanto. E oltretutto è rotta. Delle quattro esistenti, proprio quella all’interno si è guastata. E la sua riparazione non ha tempi brevi. «Purtroppo siamo obbligati ad acquistare in Consip i pezzi nuovi, anche se in tanti casi potrebbero costare meno nel mercato libero, e i tempi sono lunghi», spiega il sindaco Marzio Favero, «abbiamo avviato la procedura per avere i pezzi con cui riparare la telecamera che veglia all’interno, ma ci vorrà del tempo prima che arrivino.

Sapendo però a che ora è avvenuto il furto si può vedere dalle telecamere esterne chi è uscito dal cimitero e cercare quindi di individuare il ladro. Le telecamere non possono certo impedire i furti, ma sono pur sempre un deterrente e in tanti casi consentono di individuare poi chi ha commesso il colpo. Speriamo sia così anche in questo

caso». E assieme ai pezzi per riparare la telecamera interna che guarda nel cimitero del capoluogo, dovrebbero arrivare due telecamere anche per il cimitero di Biadene-Caonada, dove pure erano stati segnalati furti in passato e dove quindi è stato deciso di estendere la videosorveglianza.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori