Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Controlli antisismici in 30 istituti

Nuovi fondi dal ministero, la Provincia investe altri 233 mila euro

Da alcuni giorni sono iniziati i lavori per riaprire tre aule che erano state chiuse al liceo classico Canova di Treviso a seguito di fessurazioni rilevate nei controsoffitti e nei soffitti alla fine dell’anno scorso. Dureranno fino a fine mese, e potrebbero non essere gli unici interventi all’interno dell’edificio. La scuola infatti rientra nelle trenta sulle quali la Provincia ha avviato indagini diagnostiche su solai e strutture varie grazie allo stanziamento ministeriale dei fondi avanza ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Da alcuni giorni sono iniziati i lavori per riaprire tre aule che erano state chiuse al liceo classico Canova di Treviso a seguito di fessurazioni rilevate nei controsoffitti e nei soffitti alla fine dell’anno scorso. Dureranno fino a fine mese, e potrebbero non essere gli unici interventi all’interno dell’edificio. La scuola infatti rientra nelle trenta sulle quali la Provincia ha avviato indagini diagnostiche su solai e strutture varie grazie allo stanziamento ministeriale dei fondi avanzati dal precedente finanziamento per gli interventi strutturali negli edifici scolastici. Una buona notizia, anche dopo il caso della elementari di Sambughè, che ieri il sindaco di Preganziol Galeano ha annunciato che chiuderà, abbatterà e ricostruirà perchè non antisismica.

Grazie al primo fondo statale la Provincia aveva incassato un finanziamento per 38 edifici scolastici dei 65 richiesti, grazie a questo secondo “assegno” ministeriale proseguirà l’attività di indagine e l’intervento nella Marca.

Oltre al Canova, nel piano di interventi gestito da S.Artemio rientrano il liceo scientifico Da Vinci, l’istituto tecnico turistico Mazzotti, l’Itis Fermi e l’Itc Riccati e IIs Palladio.

Oltre a queste varie scuole in tutta la provincia. Verranno effettuate indagini al Max Planck e alle medie Scarpa di Villorba, al Berto di Mogliano Veneto e al Cerletti di Oderzo. Controlli allo Scarpa di Motta di Livenza, alla primaria di Cavriè a San Biagio; alle secondarie Martini; all’istituto Dante Alighieri di Casier; alla palestra e alla scuola media di Riese Pio X; alla palestra di Poggiana; alla primaria San Francesco e alla primaria Enrico Fermi di San Vendemiano; all’Iss “Città della Vittoria” di Vittorio Veneto. In quest’ultimo comune sarà vagliato anche lostato di fatto del liceo artistico Munari. A Conegliano saranno controllate aule nuove e laboratori del Galileo Galilei. Saranno oggetto di ispezioni sede, laboratori e palestra dell’istituto Barsanti di Castelfranco Veneto, così come al Domenico Sartor, al Martini e al Maffioli. A Valdobbiadene verranno passate in rassegna le aule del Verdi. A Borso del Grappa la scuola dell’infanzia Sant’Eulalia. In tutto si tratta di un intervento messo in gara d’appalto per circa 233 mila euro che potrebbe partire nei prossimi mesi per fare in modo di pianificare, in estate, eventuali interventi di ristrutturazione straordinaria là dove ve ne fosse bisogno. La gara è divisa in due lotti, entrambi prevedono lavori per 92 mila euro, al netto di tasse e altri costi. Il primo lotto comprende gli interventi su Treviso, Mogliano Veneto, Villorba e zone limitrofe; il secondo quelli sulle scuole di Vittorio Veneto, Valdobbiadene, Castelfranco Veneto, Oderzo, Motta di Livenza, Conegliano.

(f.d.w.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA