Quotidiani locali

Il liceo Da Vinci di Treviso in orbita con la robotica spaziale

Treviso. Quindici ragazzi trevigiani vincono la gara internazionale di programmazione promossa da Nasa e Mit: hanno simulato la guida a distanza di un satellite

TREVISO. I leoni dello spazio, gli “Space lions” del liceo scientifico Da Vinci di Treviso promossi campioni del mondo di programmazione di robotica aerospaziale. La vittoria finale conquistata in orbita e proclamata giovedì al Politecnico di Torino ha incoronato la squadra formata da ben 15 studenti del liceo trevigiano. Saliti sul podio alla finale mondiale del campionato “Zero Robotics 2017”, la competizione internazionale - sotto l’egida della Nasa e la supervisione del Mit di Boston - riservata a studenti di scuola superiore.

Agli studenti è stato chiesto di cimentarsi nella programmazione di codici capaci di far muovere speciali satelliti robotici artificiali. Mettendo in pratica abbondanza di conoscenze matematiche, scientifiche e informatiche. In modo da poter comandare a regola d’arte e in assenza di gravità dei piccoli robot sferici, chiamati “Spheres”, realizzati dal laboratorio spaziale del Mit di Boston. E messi all’opera a bordo della Stazione spaziale internazionale, Iss (International Space Station), sotto la supervisione di due astronauti. La gara conclusiva ha visto competere 400 studenti di scuole superiori di tutto il mondo. In “missione speciale”, poco importa se per gioco, per conto della Nasa nella messa a punto dei codici vincenti. Gli studenti in gara si sono sfidati durante la finale in una terna di alleanze internazionali.

Per la squadra del Da Vinci, scuola con il ruolo di leader nella finale della competizione, vincente è stata l’alleanza con due licei americani la Stuyvesant High School New York e la Princeton International School of Mathematics and Science. Il primo posto è stato condiviso, ex-equo, con un altro team che ha visto incoronate altre due scuole superiori italiane: l’Itis Pininfarina di Moncalieri e l’Itis Galilei di Livorno, in squadra insieme alla statunitense Hilton Head Island High School. Missione “spaziale” per tutti: la messa a punto di un codice in grado di far muovere uno speciale robot. Immaginandolo per gioco in orbita sulla superficie di “Encelado”, una delle lune di Saturno.

Agli studenti il compito di comandare il robot durante la simulazione di una perforazione di campioni di ghiaccio nel polo sud della luna. A caccia di microrganismi. Ma non finisce qui. Dovevano, senza possibilità di errore, fare pure in modo che il satellite robotizzato fosse in grado a missione compiuta di restituire i campioni prelevati dalla superficie lunare alla stazione base per l'analisi. La vittoria è andata all’alleanza di squadre capaci non solo di trovare ma anche di raccogliere la maggior parte dei campioni con la più ricca concentrazione di microrganismi. Lo sbarco è stato simulato a bordo della Stazione spaziale internazionale in orbita a 400 chilometri dalla terra.

Oggi con la vittoria tra le mani e l’entusiasmo a dir poco alle stelle gli Space Lions del Da Vinci: Lorenzo Botter, Paolo Buso, Filippo Casarin, Riccardo Dall'Acqua, Federico De Rocco, Luca Fabbian, Maksim Kovalkov, Matteo Lauriola, Mariam Mansour, Mattia Mattarollo, Antonio Napolitano, Gabriele Saracco, Giosué Sardo Infirri, Matteo Secco, Andrea Ziggiotti spiegano la messa a punto del codice vincente. «Si è trattato di una programmazione di uno sbarco simulato», spiega il team leader Luca Fabbian, studente dell’ultimo anno. «Nostro compito era scrivere un codice capace di far muovere un piccolo satellite. Attraverso il codice si attiva il propulsore che fa muovere la trivella. Dopo aver fatto un giro su se stesso il robot torna alla base per la consegna dei microrganismi raccolti. La velocità e i movimenti vengono programmati attraverso formule matematiche. La cosa più difficile è stata gestire gli errori. Vincente il lavoro di squadra».

A sostenere nella preparazione la squadra formata da studenti dal primo fino all’ultimo anno di liceo durante tutte le fasi della competizione le professoresse Orietta Zangiacomi docente di Matematica e Fisica e Alessandra Mojo di Informatica. Per la gara finale le squadre si sono ritrovate al Mit di Cambridge nel Massachusetts al Politecnico di Torino e alla Abercrombie Business School dell'Università di Sydney con trasmissione diretta dallo spazio. Gli astronauti a bordo dell’Iss sono il russo Alexander Misurkin e lo statunitense Joe Acaba. Loro il compito di gestire la gara eseguendo sui satelliti robot il software ideato dagli studenti.

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik