Quotidiani locali

Era in Italia per le feste ora è scomparso nel nulla

Morgano. Nessuna notizia di un sessantenne serbo venuto a trovare i parenti Sulla sparizione indagano i carabinieri; la Protezione civile coordina le ricerche

MORGANO. Scompare nel nulla, sabato pomeriggio, mentre si trova a casa del cognato. Tomislav Plecko, sessantenne serbo, era arrivato a Morgano assieme alla moglie per trascorrere l’ultimo giorno del 2017 con la sorella e il marito di lei, che abitano in via Settimo. È sparito senza lasciare tracce: i parenti erano usciti per alcune commissioni, al rientro a casa non l’hanno più trovato. I soccorsi sono scattati immediatamente, dopo la denuncia ai carabinieri. Si propende per l’allontanamento volontario: Tomislav Plecko soffriva di vuoti di memoria a causa di un problema di salute patito qualche anno fa. Ieri sera è entrata in azione anche la Protezione civile di Morgano e Paese, che coordina un gruppo di uomini impegnati nelle ricerche.

«Siamo molto preoccupati, crediamo che Tomislav sia uscito di casa e poi non sia stato in grado di fare ritorno» spiega il cognato, Damir Mista, «era arrivato qui per trascorrere il Capodanno con noi. Era già stato in Italia un paio di anni fa, ma potrebbe aver perso la cognizione dello spazio una volta allontanatosi da casa. Quando non lo abbiamo trovato, ricordandoci dei problemi di orientamento che a volte lo affliggono, abbiamo reagito subito, chiamando i carabinieri. Così le ricerche sono partite dopo un’ora». La denuncia è stata presentata alla caserma di Istrana e gli uomini dell’Arma hanno avviato subito le indagini. Né il giorno di San Silvestro né ieri, tuttavia, sono arrivate la buone notizie che la famiglia attende, nonostante la Protezione civile stia battendo il territorio palmo a palmo. L’appello a cercare Tomislav e la sua foto sono stati pubblicati e diffusi anche online. Ieri anche uno dei figli dell’uomo si è messo in viaggio dalla Serbia per raggiungere la Marca e aiutare gli altri familiari nelle ricerche.

Tomislav è alto circa un metro e 75, corporatura media, carnagione chiara e occhi azzurri. Sulle braccia ha due tatuaggi con nomi di persona. Al momento della scomparsa indossava jeans di colore blu scuro, un maglione di lana celeste con macchine marroni, scarponcini neri e giubbotto nero con cappuccio. «Mio cognato non è assolutamente pericoloso, si può avvicinare
e aiutare, sembrerà soltanto confuso» racconta ancora Damir, «il problema è che non parla italiano. Non abbiamo idea di dove sia, ma continuiamo a cercare senza sosta». Il sessantenne serbo era arrivato in Italia con la moglie.

Andrea De Polo

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro