Quotidiani locali

Nuovo colpo alle Poste di Frescada

La banda dei due rapinatori di colore irrompe nell’ufficio davanti a 5 clienti e scappa con un bottino di 2.500 euro

PREGANZIOL. Nuova rapina all’ufficio postale di Frescada. A distanza di tre mesi dal colpo di un falso kamikaze di colore, che aveva minacciato un attentato con una cintura esplosiva se la direttrice non gli avesse dato il denaro, ieri mattina altri due rapinatori di colore, probabilmente gli stessi che nei giorni scorsi sono entrati in azione all’Old Wild West di Silea e tentato il colpo alle Poste di Biancade, hanno fatto irruzione nell’ufficio postale sul Terraglio, quando all’interno c’erano 5 clienti e si sono fatti consegnare dalla direttrice i 2.500 euro contenuti in una cassa. Poi sono fuggiti a piedi verso Preganziol, facendo perdere le proprie tracce. I carabinieri hanno subito ingaggiato la caccia all’uomo. Due sospetti sono stati fermati poco dopo dai militari dell’Arma ma subito rilasciato dopo aver fornito alibi di ferro.

I rapinatori sono entrati in azione poco dopo le 8.50. È a quell’ora che due giovani di colore, alti almeno un metro e 80 e di corporatura snella, si presentano con una pistola, forse giocattolo, ed un coltello all’ufficio postale di Frescada, sul Terraglio. Hanno Il volto coperto da una sciarpa ed un paio di occhiali da sole per travisare il viso davanti all’occhio elettronico delle telecamere interne. I rapinatori vanno dritti verso l’ufficio della direttrice e mostrano pistola e coltello per dimostrare che le loro intenzioni sono serie. La responsabile dell’ufficio Postale, Enrica Rimondi, 56 anni di Mogliano, con sangue freddo fa presente che la cassaforte delle Poste è a tempo e che non le resta altro che consegnare il contenuto di una cassa ossia 2.500 euro. I due rapinatori arraffano i soldi e se ne vanno. Testimoni li vedono fuggire a piedi verso il Terraglio, in direzione di Preganziol e poi svoltare verso una laterale, dove sorge una sala giochi, alle spalle della quale c’è un parcheggio.

Nel frattempo la direttrice dell’ufficio postale della frazione di Preganziol lancia l’allarme ai carabinieri. Immediatamente sul posto arrivano un paio di pattuglie della compagnia dell’Arma di Treviso. Vengono sentiti impiegati e direttrice e poi inizia la caccia all’uomo. Pochi minuti più tardi, quando la notizia della rapina e la descrizione dei malviventi in fuga è stata diramata alle altre forze dell’ordine, due uomini di colore sospetti vengono fermati. Ma i due riescono a fornire valide spiegazioni e vengono rilasciati.

I militari dell’Arma che indagano sulla rapina delle
Poste di Frescada, coordinati dal capitano Stefano Mazzanti, sono convinti che si tratti degli stessi rapinatori che, nei giorni scorsi, hanno messo a segno un tentativo di rapina all’ufficio postale di Biancade ed il colpo all’Old Wild West di Silea.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon