Quotidiani locali

NON TUTTE LE FAMIGLIE POTRANNO RIENTRARE A BREVE 

Ater al lavoro dopo il rogo, previsti alcuni trasferimenti

ARCADE. «L'Ater sta rispondendo, a breve capiremo per ciascuna famiglia il da farsi ma i locali del piano terra entro qualche settimana saranno agibili». Domenico Presti, primo cittadino di Arcade,...

ARCADE. «L'Ater sta rispondendo, a breve capiremo per ciascuna famiglia il da farsi ma i locali del piano terra entro qualche settimana saranno agibili». Domenico Presti, primo cittadino di Arcade, a cinque giorni dall'incendio che ha completamente divorato un appartamento (mettendone a rischio altri due) e una parte del tetto della centralissima barchessa dell'ex villa Cavalieri, da una ventina di anni di proprietà dell'Ater, è ottimista. La tragedia, fortunatamente, è stata solo sfiorata, ma tutti i nove nuclei familiari della barchessa erano stati evacuati, due dei quali (una madre con bambini ed un'anziana) trasferiti in un hotel della zona. In questi giorni, intanto, i contatti tra sindaco e dirigenti Ater, in particolare con la direttrice Laura Foscolo, sono quasi quotidiani, e l'agenzia – dopo il primo sopralluogo la sera dell'incendio – ha inviato sul posto una ditta per quantificare i danni e verificare l'agibilità dei singoli appartamenti. Sono partiti i contatti anche con il Comune di Spresiano, dove l'Ater ha la disponibilità di alcuni alloggi e dove potranno essere temporaneamente trasferiti quei nuclei il cui appartamento necessiterà di più tempo per tornare agibile. «Faremo dei colloqui con le singole famiglie
alla presenza dei responsabili dell'ufficio dei servizi sociali» spiega il sindaco Presti, «l'appartamento da cui è scaturito l'incendio senz'altro necessiterà di tre o quattro mesi di lavori, mentre alcuni secondo le prime stime potranno rientrare già dopo le feste». (a.b.v.)

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro