Quotidiani locali

Cornuda, un giallo lungo oltre un mese risolto nel gelo del Grappa

Sofiya ritrovata la vigilia di Natale (come Iole Tassitani, dieci anni fa) dai cacciatori, mancava dal 15 novembre

CORNUDA. Alle pendici del Grappa c'è ancora la neve accumulata lungo la strada. E' la vigilia di Natale quando i cacciatori, di prima mattina, setacciano i boschi all'altezza del terzo tornante, sulla strada che da Romano d'Ezzelino porta in cima alla montagna. Sono i cani ad accorgersi del corpo. 

Il luogo del ritrovamento
Il luogo del ritrovamento

Sofiya è stata gettata dalla banchina sulla strada in un burrone profondo qualche metro , buttata come un rifiuto tra piatti di plastica, fazzoletti, pacchetti di sigarette. E' vestita, in posizione fetale.

Il recupero della salma da parte dei...
Il recupero della salma da parte dei vigili del fuoco

Manca dal 15 novembre. Il corpo è stato martoriato da pioggia, gelo, neve. Servirà l'autopsia per capire come sia stata uccisa: bisognerà attendere qualche giorno, gli inquirenti spiegano che "non c'è ragione di urgenza". 

L'ultimo, misterioso messaggio inviato da Sofiya è del 15 novembre: "Non posso venire, esco con una mia amica", recita l'sms spedito al medico trevigiano che frequentava. Il 16 novembre il convivente, Pascal Albanese, le chiede "Dove sei?", il giorno dopo è un geologo emiliano, che a sua volta frequentava Sofiya, a denunciare la scomparsa in caserma a Cornuda. 

Giallo di Cornuda, le ultime ore di Sofiya prima della scomparsa Sofiya è sparita da due giorni quando lo scorso 17 novembre si incontrano, all’interno di una caserma dei carabinieri, i tre uomini che, in quel momento, stanno frequentando l’interprete ucraina. Oltre a Pascal Daniel Albanese, il 50enne trovato morto domenica 26 novembre nella sua villetta a Cornuda, ci sono anche un geologo emiliano e un medico di Treviso. L'articolo

Il 26 novembre Pascal viene trovato impiccato, a casa, dai parenti. Due giorni dopo, a Maser, la Renault Megane nera di Sofia è ritrovata a Maser, in un parcheggio.

Un mese di indagini, sopralluoghi del Ris, ricerche serrate con decine di uomini in campo. Fino alla vigilia di Natale.

Il recupero della salma affidato a Suem, carabinieri, vigili del fuoco di Bassano e Vicenza, gruppo speleo alpino fluviali. Il giorno prima di Natale, Sofiya l'hanno ritrovata in un dirupo usato come discarica. 

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon