Quotidiani locali

Vai alla pagina su Lavoro

Pota gli alberi, investito dall’auto a Spresiano

Spresiano, operaio travolto sulla Pontebbana. In questi giorni i lavori sui platani creano lunghe code

SPRESIANO. Stava probabilmente attraversando la sede stradale della Pontebbana quando un’auto l’ha investito. Fortunatamente non è grave l’operaio, addetto alla potatura, un marocchino di 31 anni, A.D., investito nel primo pomeriggio di ieri sulla Pontebbana, tra i territori comunali di Nervesa e Spresiano. L'uomo, per cause al vaglio degli agenti della polizia stradale e dagli ispettori dello Spisal, è stato travolto da un'auto in transito, una Mercedes. Le condizioni dell'operaio, soccorso da un’ambulanza del Suem e trasportato al Ca' Foncello di Treviso in elicottero, non sono fortunatamente gravi.

L’incidente stradale è avvenuto poco prima delle 14 di ieri. L’operaio stava seguendo, assieme ai colleghi, i lavori di potatura degli alberi quando, all’improvviso, è arrivata una Mercedes. L’autista, evidentemente, s’è accorto all’ultimo minuto dell’operaio ed ha frenato disperatamente non riuscendo però ad evitare l’impatto. Fortunatamente, però, l’operaio non ha perso conoscenza ed è stato soccorso, pochi minuti più tardi, da un’ambulanza del 118. Le sue condizioni non sono gravi. L’incidente stradale ha riacceso la polemica sulla “capitozzatura” dei platani, cioè il taglio della parte superiore dei rami delle piante lungo la Pontebbana. Negli ultimi giorni, i lavori hanno costretto gli automobilisti a code e disagi. Il cantiere per i tagli, infatti, sta lentamente avanzando lungo l’arteria stradale occupando una delle due corsie. La scelta del mattino come orario in cui completare l’opera, da un paio di settimane sta causando notevoli disagi al traffico, con lunghe file di automobili, soprattutto nella fascia oraria mattutina. All’inizio dell’operazione, la scelta
di rifare il look ai platani aveva sollevato più di qualche perplessità: qualcuno aveva parlato di “decapitazione”, più che di “capitozzatura”. Il mondo ambientalista aveva manifestato perplessità, puntando il dito contro l’Anas, responsabile del cantiere.

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik