Quotidiani locali

Ampliamento Codognotto No dal Comitato ambiente

Salgareda, l’azienda chiede di raddoppiare lo spazio coperto per il polo logistico «Troppo carico di traffico pesante e poche garanzie per il paesaggio»

SALGAREDA. Non convince la richiesta di ampliamento - in realtà un raddoppio – della Codognotto logistica di Salgareda.

«L’ennesimo enorme impatto ambientale. Vogliamo maggiori garanzie per l'ambiente e per la prospettiva occupazionale» dichiara preoccupato il Comitato Progetto Ambiente di Salgareda per l'ampliamento richiesto dall’azienda.

Il progetto di ampliamento del centro logistico in via Calnuova a Salgareda, a ridosso del Comune di Noventa di Piave e in prossimità dell’ autostrada A4 Venezia Trieste, sta destando qualche dubbio al gruppo Progetto Ambiente.

La sede principale di Salgareda si estende su 60 mila metri quadrati, divisi in magazzino, guardiola e un fabbricato direzionale. Il nuovo progetto prevede lo sfruttamento di un'area agricola di 84 mila metri quadrati, in cui saranno realizzate le seguente opere: un magazzino di stoccaggio merci, una guardiola e blocco servizi, una recinzione, illuminazione, videosorveglianza, percorsi e spazi di manovra e la creazione di spazi verdi. L'allargamento logistico aumenterà il traffico leggero e pesante legato al personale, rispettivamente di circa 40 veicoli in più rispetto ai 75 attuali e di 65 mezzi pesanti oltre ai 45 odierni.

«Un impatto ambientale che che si scaricherà sulla collettività in termini di aumento del traffico sulle arterie comunali e provinciali della zona, di inquinamento atmosferico e idrico - questo si legge nella dichiarazione del gruppo -. L'aumento dei mezzi di trasporto andrà inevitabilmente ad appesantire la criticità della rotatoria su cui insiste il flusso viario dell'outlet, del casello autostradale, della bretella di collegamento del centro commerciale Piave e degli altri insediamenti produttivi portando ad una insostenibilità nel territorio. Il Veneto, in particolare la provincia di Treviso, vanta il record del più alto consumo di territorio a fronte di numerose zone industriali e artigianali già realizzate e mai decollate». Progetto Ambiente chiede quindi una valutazione dell'impatto ambientale con annessa analisi approfondita dei flussi di traffico ed un piano di mitigazione idraulica conseguente all'impermeabilizzazione di una superficie estesa di suolo agricolo e sollecita l'amministrazione di Salgareda ad esigere una garanzia sulla prospettiva occupazionale in favore
dei cittadini. L'attuazione del progetto, al momento, è stata sospesa per l'adeguamento del piano, infatti i progettisti non avevano preso in considerazione l'ampliamento della terza corsia dell'autostrada A4 Cessalto Noventa, previsto da Autovie Venete e segnalato da queste.



TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon