Quotidiani locali

opera della famiglia bincoletto 

Vidor diventa un presepe un rito da tre generazioni

VIDOR. Nonno Romano, papà Fabrizio e il figlio 17enne Eros, tre generazioni unite nella realizzazione dello spettacolare presepe in scala di Vidor. Da tre anni mettono in scena nel giardino dell’abita...

VIDOR. Nonno Romano, papà Fabrizio e il figlio 17enne Eros, tre generazioni unite nella realizzazione dello spettacolare presepe in scala di Vidor. Da tre anni mettono in scena nel giardino dell’abitazione dei nonni nel centro cittadino i personaggi del Natale.

Nella ricostruzione del paesaggio ci sono tutti i principali luoghi di Vidor. C’è il castello con la via d’accesso sulla quale ogni anno si disputa il palio, ci sono le risorgive, i lunghi filari di vigneti, la chiesa parrocchiale e gli antichi mestieri. Tutto realizzato in legno con dovizia di particolari. È un rito, quello della famiglia Bincoletto, che non coinvolge solo nonno, papà e figlio, ma anche nonna Anna, da sempre appassionata di presepi, suo figlio Alessandro, falegname per professione, e tutto il resto della ciurma composta da altre due sorelle e nipoti. Tutti impegnati, con diverse mansioni, nella realizzazione del presepe vidorese.

In casa Bincoletto i preparativi iniziano già a gennaio. Ogni anno si aggiunge qualche elemento
nuovo: quest’anno la new entry sono stati i filari di vigneti, con tanto di pali in legno infilzati nel terreno e tiranti. Ogni anno la rappresentazione è unica perché mai uguale a ss stessa. «È una passione – racconta nonna Anna – trasmessa di generazione in generazione». (s.c.)

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon