Quotidiani locali

l’appalto 

Ventitremila euro per sei telecamere ora fuori uso

CONEGLIANO. Le telecamere nei punti più caldi della città non funzionano e saranno riparate. Dalla zona della stazione ferroviaria ai giardini di San Martino, sei gli occhi elettronici sono...

CONEGLIANO. Le telecamere nei punti più caldi della città non funzionano e saranno riparate. Dalla zona della stazione ferroviaria ai giardini di San Martino, sei gli occhi elettronici sono praticamente inutilizzabili, perché si sono rotti i meccanismi che li dovrebbero far muovere. Tecnicamente sono definite telecamere “brandeggiabili”, ovvero il cui occhio può essere spostato in orizzontale o verticale, e di 360 gradi. Non era più possibile avere una visione completa e così sono stati stanziati quasi 23 mila euro, per potenziare la sicurezza in città. L’area esterna alla stazione ferroviaria, i giardini di San Martino, parco Mozart, via Stadio nell’area degli impianti sportivi, via Vecchia Trevigiana a Parè e via Lourdes, in queste zone si trovano gli apparecchi che non funzionano più a dovere. «Le videocamere risultano gravemente compromesse nel funzionamento e non più brandeggiabili per la rottura di parti meccaniche», si legge nel documento del Comune firmato martedì, in cui si dà il
via libera ai lavori di sistemazione. I dispositivi sono di supporto alle forze di polizia sia per questioni di sicurezza, ma anche per la viabilità e in caso di incidenti stradali. L’appalto per la sostituzione è stato affidato alla Emar Sistemi di San Biagio di Callalta. (di.b.)

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon