Quotidiani locali

Fontanelle. Schianto a Jesolo, Maria stava portando un mazzo di fiori al marito morto

Fontanelle. Emigrante col primo marito, Maria Littoria Falchetto iniziò confezionando vestiti per bimbi. Poi una piccola casa di moda

FONTANELLE. Maria Littoria Falchetto, la 77enne fontanellese morta ieri mattina lungo la Jesolana scontrandosi frontalmente contro un camion, si stava dirigendo verso la località balneare per gettare in mare i fiori in memoria del suo secondo marito Robert Nuzzo, scomparso a causa di un infarto nel 2015.

L’uomo, marinaio, alla sua morte si era fatto cremare e le sue ceneri erano state sparse nell’Adriatico, il mare che aveva solcato per una vita a bordo delle navi container che comandava. La moglie da allora si recava spesso sul litorale per salutare nell’unico modo possibile l’uomo da cui nemmeno la morte era riuscita a dividerla. Maria era nata nel 1940 in Libia. Ma c’era rimasta solo pochi mesi: dopo che l’Italia nella Seconda Guerra Mondiale aveva perso le proprie colonie, la sua famiglia trascorse cinque anni in un campo profughi vicino a Catania.

leggi anche:

Dopo la guerra tornò nella Marca, dove si sposò 16enne con un giovane manovale di Ormelle. I due partirono per la Francia nel 1959 insieme ai loro due figli. Stabilitasi in un primo momento a Nizza, la famiglia aveva iniziato a girare la Francia seguendo le occasioni di lavoro. Durante i primi anni in Francia, Maria iniziò a tessere alcuni vestitini ai suoi tre bambini, Loris, Daniela e Aldo. I vestiti erano caratterizzati da una grande grazia, tanto che le francesi iniziarono ad affidarle la realizzazione di alcuni vestiti per i loro figli. Questa sua grande passione per la moda salvò lei e i suoi figli quando il marito morì, alla fine degli Anni Sessanta.

Rimasta vedova, Maria cercò di andare avanti aprendo un proprio studio di moda: divenne una stilista apprezzata per il suo gusto e la sua originalità, tanto da poter crescere al meglio i tre figli avuti dal primo matrimonio. Aveva continuato a vivere e lavorare in Francia fino alla fine degli Anni Novanta, quando conobbe Robert Nuzzo. I due si erano sposati una decina di anni dopo il loro primo incontro, nel 2001. Un anno dopo le loro nozze Maria e Robert decisero di trasferirsi a Lutrano.

La donna doveva badare alla madre anziana, che si è spenta pochi anni fa, ultracentenaria. La coppia aveva continuato a vivere in Italia dopo quel lutto: i figli li venivano a trovare spesso, partendo dalla Francia e fermandosi a Lutrano qualche giorno. La vita finalmente tranquilla di Maria venne stravolta nel 2015, quando il marito morì nel sonno proprio la notte in cui apprese che un grosso investimento fatto in Veneto Banca (di cui in quei giorni stava scoppiando la crisi) era a forte rischio. Maria era riuscita di nuovo a riappropriarsi della propria vita, impegnandosi anche in diverse associazioni come volontaria.


 

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon