Quotidiani locali

Tragico schianto, quattro mesi all’investitore

Condannato l’automobilista che, con la vettura di traverso dopo un incidente, causò la fine di Segat

GODEGA. Omicidio stradale? Piuttosto una “colpa indiretta”. Il Tribunale di Treviso ieri spiegato così ieri l’incidente causato da Spiridione Pettenò, 52 anni di Pasiano di Pordenone che l’11 marzo 2016 con la sua auto causò la morte di Luca Segat, all’epoca 49enne di Godega di Sant’Urbano, ma originario di Mansuè. L’incidente stradale successe a Motta di Livenza lungo la regionale Postumia.

Spiridione Pettenò, difeso dall’avvocato Giuseppe Muzzupappa, è stato condannato a 4 mesi di reclusione (convertiti in una multa da 36 mila euro) e alla sospensione della patente per 4 mesi. Pare che il giudice abbia accolto la linea del consulente tecnico chiamato in causa anche dalla procura per spiegare quanto accaduto sulla Postumia un anno fa quando la macchina di Pettenò a collidere con un altro mezzo in transito. In seguito a quella collisione, la sua auto si mise di traverso alla corsia sulla quale stava arrivando lo scooter con in sella Segat che davanti al mezzo di traverso non ebbe altra scelta se non quella di provare a fermarsi sulla traiettoria. Sull’altra carreggiata la coda di auto gli avrebbe reso impossibile un’immissione e rischiosissima una svolta repentina così il motociclista rimase nella sua corsia, frenando. Tra lui e la macchina di Pettenò c’erano 33 metri, ma tra la reazione di riflessi e i tempi di arresto non bastarono a evitare un impatto violento e drammatico. Segat morì quasi sul colpo, con il suo scooter rimase schiacciato tra il guard rail e l’auto di Pettenò morendo sul colpo.
Per Pettenò si aprirono le porte del tribunale che ieri pomeriggio ha comminato all’uomo i 4 mesi di pena e la sanzione accessoria. Luca e la sua famiglia sono molto conosciuti in paese e, nonostante abitasse da tempo a Sacile, frequentava regolarmente il gruppo di camperisti mansuetani.

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon