Quotidiani locali

Azioni Veneto Banca in eredità al Comune In fumo 63 mila euro

Salgareda, azzerati i titoli lasciati da un anziano cittadino Servivano per la vedova, l’amministrazione valuta la causa 

SALGAREDA. Il Comune di Salgareda ha visto azzerarsi tutti i 63 mila euro in azioni Veneto Banca che Giuseppe Bianco, alla sua morte, affidò al Comune perché si prendesse cura della moglie.

Il Comune di Salgareda è interessato molto da vicino alla vicenda delle banche venete. E non solo perché proprio a Salgareda nacque il primo nucleo di quella Banca del Credito Cooperativo del Piave e del Livenza che, confluendo nel 2000 nella Banca Popolare di Asolo e Montebelluna, di fatto tenne a battesimo quella che diventò così Veneto Banca. Quando Giuseppe Bianco morì (marzo 2014), tutti consideravano Veneto Banca come un istituto in perfetta salute. Proprio per questo Bianco affidò al Comune la nuda proprietà della casa in cui ancora oggi vive la sua vedova, oltre a 1.546 azioni di Veneto Banca, numero di titoli che allora valeva quasi 63 mila euro. Lo stesso numero di azioni venne lasciato in eredità alla moglie. In quel momento la sorpresa fu grande, tanto che l’allora sindaco Vito Messina accettò l’eredità esprimendo la sua riconoscenza nei confronti del defunto. Ma i problemi iniziarono con l’esplodere della gravissima crisi che è stata fatale alle banche venete. Come per tutti gli altri risparmiatori, il valore delle azioni in mano al Comune di Salgareda si è azzerato nel giro di pochi mesi: la vedova e il Comune hanno perso un patrimonio che, messo assieme, supera i 120 mila euro.

«Stiamo continuando a prenderci cura della vedova di Giuseppe Bianco, nonostante le azioni che ci ha lasciato nel 2014 non valgano più nulla», assicura il sindaco di Salgareda, Andrea Favaretto. Il grave danno provocato alle casse comunali non dovrebbe mettere a repentaglio il bilancio comunale, ma comunque l’amministrazione ha già dato l’incarico a un legale per cercare di rientrare in possesso dei quasi 63 mila euro persi. «Qui sono davvero tantissimi i risparmiatori coinvolti nella vicenda di Veneto Banca: siamo a tutti gli effetti uno dei Comuni maggiormente danneggiati», sottolinea ancora il sindaco. Anche se è Cornuda a “vantare” il rapporto più grande
fra risparmiatori coinvolti in rapporto alla popolazione (lì sono state 490 le famiglie ad aver perso una vita di risparmi in un Comune composto da appena seimila abitanti), Salgareda risulta essere in assoluto l’unico ente comunale ad aver posseduto azioni della banca di Montebelluna.

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik