Quotidiani locali

Fiera, obiettivo 35 mila presenze

S.Lucia. Zaia si tira fuori dalle polemiche con Godega e diserta ufficialmente per impegni istituzionali

SANTA LUCIA . Sono già oltre 15 mila le presenze registrate nei primi due giorni della 1357esima edizione della Fiera internazionale dell’agricoltura di Santa Lucia di Piave che quest’anno punta ai 35 mila ingressi. «Vogliamo che diventi un’occasione di confronto e di formazione», ha dichiarato ieri mattina Alberto Nadal, amministratore unico dell’Azienda Speciale Santa Lucia Fiere dal palco dell’auditorium alle ex Filande, «per tutto il comparto, dagli imprenditori ai tecnici che operano in agricoltura. Vogliamo essere un veicolo per i nuovi scenari di sviluppo del settore e avere un ruolo importante per raccontare novità e prospettive». Circa quattrocento, quest’anno, gli espositori distribuiti su un’area esterna di 45 mila metri quadrati, più altri 4.600 coperti: numeri che testimoniano la crescita di un’esposizione internazionale in grado di coinvolgere ogni anno oltre 100 mila persone. «L’obiettivo per i prossimi anni», ha continuato Nadal, «è di lavorare con le altre realtà del territorio facendo diventare il nostro evento fieristico un hub di lavoro per nuovi progetti a sostegno del comparto agricolo che, da solo, vale circa 40 miliardi di euro di export». “Innovazione” e “sostenibilità” sono le parole chiave della 1357esima edizione che, riconfermando la presenza dei 1.500 metri quadrati del padiglione Agriservice, punta a un’agricoltura più rispettosa dell’ambiente. Se ne è accorta anche l’Unione Europea che ha annunciato di fare propria un’iniziativa presentata anche alla Fiera di Santa Lucia. Prevede un fondo di mutuo soccorso per agricoltori danneggiati, solo se utilizzatori di sementi naturali. Passione è l’ingrediente base del successo della manifestazione, secondo il sindaco di Santa Lucia Riccardo Szumski, che ieri, alla presenza dell’assessore regionale alle infrastrutture Elisa De Berti, ha riaperto una questione rimasta in sospeso, ossia la realizzazione del casello dell’A27. Appello accolto dalla rappresentante della Regione venuta al posto del presidente Luca Zaia, ufficialmente assente perché all’esterno per impegni istituzionali. A interrogarsi sulla mancata presenza di Zaia sono stati in molti: addetti ai lavori e visitatori presenti al corteo delle autorità disertato dal governatore. La sua assenza è stata interpretata dai più come un segnale di disaccordo rispetto alle rivalità scoppiate nei giorni scorsi tra Fiera di Santa Lucia e Godega. Pomo della discordia è stato l’annuncio dell’amministrazione godeghese di abolire il biglietto d’ingresso dal 2018. Decisione mal digerita dal sindaco di Santa Lucia impegnato nell’avvio della 1357esima edizione della Fiera. A chiudere i discorsi d’apertura ieri è stato Walter Feltrin della Camera di Commercio di Treviso – Belluno che ha ricordato
l’impegno dell’istituzione nell’investire in promozione del territorio come nel caso del sostegno offerto al film “Finché c’è Prosecco c’è speranza” del regista coneglianese Antonio Padovan, proiettato ieri nei padiglioni fieristici. Domani sarà l’ultimo giorno di apertura della Fiera.

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon