Quotidiani locali

San biagio 

Restano in carcere i 5 della Banda Bassotti

SAN BIAGIO. La “Banda bassotti” resta in carcere. L’ha stabilito lunedì il giudice dell’udienza preliminare Piera De Stefani che ha interrogato in carcere i cinque componenti del gruppo finito in...

SAN BIAGIO. La “Banda bassotti” resta in carcere. L’ha stabilito lunedì il giudice dell’udienza preliminare Piera De Stefani che ha interrogato in carcere i cinque componenti del gruppo finito in manette nella notte tra venerdì e sabato.

Si tratta di una banda di cinque rapinatori, tutti difesi dall’avvocato Giacomo Michieli, in trasferta nel Nord Est, è stata sgominata grazie a una brillante operazione dei carabinieri del comando provinciale di Pordenone, che ha coronato un’attività investigativa, coordinata dalla Procura, partita dopo la rapina all’ufficio postale di Casarsa dello scorso 31 dicembre che aveva fruttato un bottino di 100 mila euro. In carcere, per concorso in tentata rapina aggravata e ricettazione, sono finiti i fratelli Antonio e Lorenzo Boccadamo, 48 e 55 anni, Damiano Andriulo, 37 anni, Gervasio Del Monte, 51 anni, Simone Giordano, 39 anni. I primi quattro sono brindisini, Giordano è di Carignano (Torino).

Il blitz era scattato a San Biagio di Callalta. È qui che le indagini hanno condotto i carabinieri di Pordenone, pronti a intervenire per cogliere in flagranza i rapinatori prima che mettessero a segno il nuovo colpo. Nel mirino un ufficio postale, il loro obiettivo preferito secondo quanto emerso dal lavoro investigativo dei carabinieri. Erano le 6.45 quando i carabinieri hanno completato il loro silenzioso dispiegamento attorno all'ufficio postale di Olmi. Gli spostamenti dei cinque erano seguiti
da tempo. I carabinieri li hanno seguiti con lo sguardo mentre finivano di segare le inferriate esterne per potersi poi introdurre, dal tetto, attraverso una feritoia. I militari dell'Arma sapevano che già la notte precedente la banda si era recata sul posto per un primo sopralluogo.

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik