Quotidiani locali

Treviso. Prealpi e colline imbiancate scatta l’emergenza ghiaccio

Cison. Quindici centimetri di neve sul San Boldo e in Cansiglio, spargisale sulle strade. Paura per le gelate notturne: la Regione dichiara lo stato di attenzione 

CISON DI VALMARINO. Neve sulle Prealpi trevigiane fino a bassa quota, adesso c’è l’allarme ghiacchio sulle strade. Martedì sono caduti i primi fiocchi che hanno imbiancato i rilievi, ma il picco delle precipitazioni si è registrato tra mercoledì e ieri mattina. Quindici centimetri di neve sul Passo San Boldo nel Comune di Cison di Valmarino. Sotto un manto bianco anche Cima Grappa, Pianezze, il Cansiglio, il Fadalto Alto e le colline più alte tra Conegliano e Valdobbiadene. Ieri mattina neve anche a Colllabrigo e in tutti i paesi collinari del Quartier del Piave e del Vittoriese.

Molti hanno immortalato con foto postate sui social network paesaggi montani e collinari che creano già, con settimane di anticipo, un clima natalizio. In pianura le precipitazioni piovose sono state a brevi tratti miste a neve (con il fenomeno chiamato graupel, ovvero neve rotonda o pioggia gelata). Con l’abbassamento ulteriore delle temperature previsto per il fine settimana scatta ora l’allerta per le gelate.

A lanciare lo “stato di attenzione per gelate sulle zone di pianura”, la Protezione civile del Veneto sulla base del bollettino meteo emesso dall’Arpav. Fino alle 12 di oggi, l’attenzione sulla zona pianeggiante prealpina resterà alta.

La raccomandazione della Protezione civile è rivolta principalmente agli enti gestori di infrastrutture stradali e ferroviarie affinché garantiscano ai cittadini la sicurezza con ogni mezzo e mantengano funzionali i servizi di trasporto. A spaventare dunque sono le temperature rigide già registrate nella notte e in persistenza nella mattinata. Gelo, neve e pioggia con conseguente formazione di ghiaccio, causano rischi elevati per la popolazione che dovrà attendere domenica per assistere, secondo le previsioni, ad un miglioramento delle condizioni meteo. Ieri intanto la nevicata ha mobilitato gli amministratori locali per le questioni legate alla viabilità.

A Miane il sindaco Angela Colmellere ha verificato di persona le condizioni della strada che conduce a Pianezze: «Abbiamo appena terminato i lavori in collaborazione con il Comune di Valdobbiadene e i privati interessati – spiega Colemellere – provvedendo alla rimozione degli alberi caduti a causa del forte vento di qualche giorno fa e all’abbattimento di quelli pericolanti nei boschi dei privati che costeggiano la via che sale alla cima. Le strade sono state ripulite già in mattinata a opera dei privati. Per il momento non si sono rilevate criticità tali da far richiedere l’intervento diretto del Comune. L’attenzione comunque resta alta e se ce ne fosse necessità siamo pronti a intervenire». Sotto controllo fino a ieri pomeriggio anche il passo San Boldo - abbondantemente innevato - e il Fadalto dove i sindaci Cristina Pin di Cison di Valmarino e Roberto Tonon di Vittorio Veneto hanno attivato i mezzi spargisale.

Due strade cruciali su cui l’attenzione resta vigile fino a quando l’allarme lanciato dalla Regione rientrerà. «Per ora non abbiamo riscontrato problemi gravi – hanno confermato dal ristorante Laris di San Boldo – le strade sono sgombre. Aveva iniziato a nevicare martedì sera e poi anche questa notte. Saranno caduti circa 15 centimetri di neve». «Anche da noi le strade sono pulite – aggiungono dall’Area 51, alle porte del Lago Morto in territorio vittoriese – il problema ora sono le gelate notturne». Da ieri sera sono al lavoro, particolarmente in tutta l’area pianeggiante interessata dallo stato di attenzione lanciato dalla Protezione civile del Veneto, i mezzi spargisale.

Intensa l’opera lungo le principali arterie del traffico, ma anche sulle vie secondarie e i sui parcheggi pubblici. L’allarme cesserà con il leggero aumento delle temperature, che si attesteranno comunque su valori bassi attorno ai 5 gradi, previsto già a partire dalla giornata di domani, sempreché le previsioni vengano confermate nelle prossime ore. Intanto oggi rischia di essere una giornata critica per la sicurezza della viabilità in collina e montagna: si raccomanda quindi agli automobilisti la dovuta prudenza e l’uso di gomme invernali.
 

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro