Quotidiani locali

Vittorio Veneto, un'intera famiglia a processo per furto

Vittorio Veneto. La banda, composta da padre e figli, era poi stata bloccata dopo un tentato furto a Miane e un colpo andato a segno a Revine. Si tratta di Vincenzo Levakovic, 51 anni, le figlie Jenny, 29 anni, Elizabeth, 25, e Sonny, 22, tutti di Treviso

VITTORIO VENETO. Banda di Rom a processo per una serie di furti in appartamento nel Vittoriese. Si tratta di cinque appartenenti alla famiglia Levakovic che dovranno rispondere, a vario titolo, di colpi messi a segno a Farra di Soligo, Vittorio Veneto, Cappella Maggiore e Miane. Il periodo in cui la banda ha messo a segno i colpi va dal febbraio al giugno del 2016.

La banda, composta da padre e figli, era poi stata bloccata dopo un tentato furto a Miane e un colpo andato a segno a Revine. Si tratta di Vincenzo Levakovic, 51 anni, le figlie Jenny, 29 anni, Elizabeth, 25, e Sonny, 22, tutti di Treviso. A Miane con la scusa di eseguire dei massaggi era riuscita a entrare nella casa di B.A, un'anziana di 87 anni. Qui però, disturbati dai vicini, sono stati costretti a battere in ritirata.

I

nomadi si erano così spostati a Revine Lago dove, forzando una porta, sono riusciti a entrare nella casa in via Maestra di G.R., 77 anni. L'anziano in quel momento era fuori. La famiglia Levakovic è riuscita a scovare la tessera del Banco Posta usata per riscuotere la pensione.
 

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista