Quotidiani locali

A Meduna di Livenza il ponte chiuso fa morire due negozi

Meduna di Livenza, lasciano l’attività la ferramenta dei Furlan e l’alimentari Campiello: «Con i lavori il colpo di grazia»

MEDUNA DI LIVENZA. Chiudono i negozi di via Vittorio Emanuele a Meduna di Livenza. La storica ferramenta e negozio di pesca, aperta da Marisa Furlan nel 1987 all’età di 22 anni, chiude i battenti schiacciata dalla concorrenza, da internet e dalla chiusura del ponte di Mure per lavori. Un’attività a gestione familiare, che ha visto impegnati anche i fratelli di Marisa, Fabio e Stefania. Un punto di riferimento per tutti i pescatori non solo di Meduna, ma anche di Motta, Oderzo, Pordenone e dei paesi limitrofi.

Il negozio di ferramenta e pesca è l’unico della zona e negli anni i gestori avevano sempre avuto un occhio di riguardo per offrire ai propri clienti gli strumenti utili alle attività ittiche e il rilascio della licenza di pesca. «Il 29 dicembre sarà l’ultimo giorno della mia attività – dice Marisa Furlan– con i trent’anni chiudiamo i battenti. I tempi sono cambiati e credo che tutte le piccole attività prima o poi siano destinate a chiudere a causa dei centri commerciali.

Nel 2013 hanno aperto una nuova ferramenta più grande tra Meduna e Brische. Il primo anno non abbiamo percepito alcuna differenza, il secondo già qualcosa, il terzo non abbiamo venduto più nemmeno un litro di acquaragia. Tenevamo prodotti di ferramenta, pesca e casalinghi. Abbiamo deciso di ridurre i primi ed eliminare i secondi in modo da specializzarci maggiormente nella pesca, che è stato sempre un punto focale de nostro commercio. Siamo stati noi, diversi anni fa, a fare in modo che un piccolo tratto del Fiume fosse aperto alla pesca tutto l’anno. Abbiamo anche provato la via del web, vendendo gli oggetti attraverso internet, qualcosa siamo riusciti a fare, ma non abbastanza. Ciò che ci ha tagliato definitivamente le gambe è stata la chiusura del ponte di Mure, i clienti non passano più o per farlo sono costretti a lunghi tragitti dispendiosi, sia in termini di tempo sia di denaro».

Il ponte sul Malgher era stato chiuso il luglio scorso per lavori di adeguamento e restauro, resi necessari a causa delle condizioni in cui versava la struttura. I lavori avrebbero dovuto essere ultimati dopo 90 giorni, quindi tra settembre e ottobre. La storica ferramenta non è l’unico negozio che verrà chiuso a fine dicembre, anche il negozio di alimentari “Al Campiello” di Stefania Furlan e del marito Franco Attisani subirà lo stesso destino. Stefania, sorella di Marisa, aveva aperto cinque anni fa il suo negozio. «È un’attività che richiama la figura del casoin, prodotti di casa, particolari, di nicchia - racconta Stefania - La chiusura protratta nel tempo, purtroppo

ha danneggiato seriamente gli affari. Non ci possiamo permettere, senza la sicurezza di un’apertura futura immediata, di sostenere il negozio. Molti clienti mi hanno detto che non passano a causa della chiusura della strada. Due o tre mesi puoi resistere, ma non di più».
 

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon