Quotidiani locali

Treviso, truffa coop disabili: indagato Remo Sernagiotto

La Pm Gabriella Cama ha formulato l'ipotesi di truffa e corruzione e tra i nove indagati  ci sono l'europarlamentare ed ex assessore regionale al Sociale Remo Sernagiotto, nonché Mario Modolo, ex dirigente veneto dei servizi sociali

TREVISO. La Procura di Treviso ha chiuso l'indagine, inviando gli atti al Gip, sulla vicenda di Cà della Robinia, la società che doveva realizzare una fattoria sociale per disabili a Nervesa della Battaglia (Treviso), con un finanziamento di 3,4 mln della Regione Veneto, e che in realtà si trasformò in una birreria.

La Pm Gabriella Cama ha formulato l'ipotesi di truffa e corruzione e tra i nove indagati  ci sono l'europarlamentare ed ex assessore regionale al Sociale Remo Sernagiotto, nonché Mario Modolo, ex dirigente veneto dei servizi sociali. Il progetto prevedeva la trasformazione di una ex discoteca con annesso complesso abitativo e parco in una fattoria sociale, dove ragazzi con disabilità avrebbero potuto inserirsi nel mondo del lavoro, producendo formaggio sotto l'insegna della società Cà della Robinia, nome dato alla coop.

Secondo l'accusa, invece, il progetto non sarebbe mai decollato e il complesso - con tanto di insegna e relativa pubblicità legate ad altra società - sarebbe stato trasformato in birreria. La corruzione

sarebbe legata al fatto che, al di là della destinazione d'uso, il progetto della Regione sarebbe stato sposato all'ultimo momento dalla coop, inseritasi nell'operazione grazie ai buoni uffici dell'ex assessore Sernagiotto, che - secondo l'accusa - avrebbe ricevuto per questo del denaro.

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics