Quotidiani locali

Ore 2, tremano le colline del Prosecco

Scossa di terremoto di magnitudine 2.2 con epicentro Colbertaldo, movimenti tellurici avvertiti anche a 20 chilometri

VIDOR. Una scossa di terremoto ha fatto tremare, seppur per poco, alle prime ore di ieri, le colline del Prosecco. L’epicentro del sisma di magnitudine 2.2 sulla scala Richter è stato individuato nella frazione di Colbertaldo a Vidor, a 9 km di profondità. I sismometri a cui fa riferimento l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia hanno registrato alle 2. 32 e 31 secondi movimenti tellurici che hanno coinvolto oltre 40 comuni delle provincie di Treviso e Belluno (Valdobbiadene, Vidor, Pederobba, Segusino, Cornuda,Crocetta del Montello, Moriago della Battaglia, QueroVas, Miane, Farra di Soligo, Alano di Piave, Sernaglia della Battaglia, Maser, Monfumo, Cavaso del Tomba, Follina, Possagno, Caerano di San Marco, Castelcucco, Pieve di Soligo, Asolo, Montebelluna, Cison di Valmarino,Volpago del Montello, Paderno del Grappa, Crespano del Grappa, Refrontolo, Altivole, Giavera del Montello, Fonte,Nervesa della Battaglia, Trevignano, Feltre, Lentiai, Seren del Grappa, San Zenone degli Ezzelini, San Pietro di Feletto, Borso del Grappa, Susegana, Riese Pio X, Tarzo e Arcade) raggiungendo anche i 20 km di distanza dall’epicentro. Nessun vero allarme tra la popolazione residente, che solo in minima parte ha avvertito il fenomeno. Nell’area di Vidor il movimento tellurico è stato più evidente.

Ieri le prime verifiche sullo stato di conservazione degli edifici a più alto rischio crollo tra i borghi delle località collinari e su quelli pubblici. «Nessuna segnalazione di danni a cose o persone – conferma il primo cittadino Albino Cordiali – è finora pervenuta agli uffici comunali. Probabilmente perché accaduto di notte, tanti cittadini non se ne sono nemmeno accorti».

Nel territorio di Vidor era già stato individuato l’epicentro di uno sciame sismico che colpì la Pedemontana nel 2015. A distanza di 4 giorni, due scosse di rilevante entità (di cui la seconda di magnitudo 3,6) avevano fatto tremare la terra destando allarme tra la popolazione. Negli edifici pubblici, scuole e uffici, erano scattate in quel caso le operazioni di emergenza. Nel 2011 un precedente simile si verificò
invece nella vicina zona di Valdobbiadene che, secondo i primi dati diffusi dall’Ingv e poi modificati, risultava ospitare l’epicentro della scossa di ieri notte. Attenzione puntata dunque nelle prossime ore soprattutto sull’area del comune di Vidor.

Silvia Ceschin

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik