Quotidiani locali

Gli ambasciatori di Giorgione alla Mostra di Venezia

I videoclip realizzati dagli studenti in anteprima all’Excelsior Racconteranno la città ai visitatori dai social network

CASTELFRANCO. Piccoli Giorgioni crescono, giocando non più con tavolozze e pennelli come il loro illustre antenato, bensì con tablet e telefonini. In comune hanno la freschezza e la genialità della giovane età. Caratteristiche che la curatrice della mostra diffusa “Trame di Giorgione”, aperta nella città murata dal 27 ottobre al 4 marzo prossimi, e tutta la sua équipe dallo spirito “molto femminile” hanno deciso di valorizzare. Ecco allora il concorso di idee lanciato con il Rotary club e rivolto agli studenti degli istituti superiori cittadini a caccia di originali videoclip con cui raccontare e promuovere i luoghi del pittore rinascimentale. Centocinque ragazzi hanno accettato la sfida e alcuni di loro il prossimo 5 settembre avranno l’onore e la piccola gloria di presentare le loro creazioni, costruite usando smartphone e tablet, alla Mostra del Cinema di Venezia. Più esattamente al Lido, all’Hotel Excelsior, dove alle 10.30 avranno il loro “red carpet”. Un’emozione per piccole, grandi opere che hanno sorpreso la giuria del concorso e che saranno lanciate dai profili social della mostra dedicata a Giorgione. «Presenteremo il quartetto di clip selezionate», spiega Dal Pos, «Una di queste sarà poi proclamata vincitrice del concorso il 15 settembre in teatro Accademico». Il passaggio alla Mostra del Cinema sarà un’ottima vetrina per presentare “Trame di Giorgione”. Il programma prevede un paio d’ore durante le quali fare un excursus della mostra, delle sue principali sezioni e novità e soprattutto assistere in anteprima alla proiezione dei videoclip realizzato dai giovani videomaker castellani. «Questo concorso rientra nel più ampio progetto di alternanza scuola e lavoro che ha coinvolto 210 studenti», spiega la curatrice Dal Pos, «abbiamo lavorato per formare un centinaio di guide per le scolaresche che visiteranno la mostra. E altrettanti studenti sono stati impegnati in lezioni sui beni culturale della città, sul web marketing e su tecniche di ripresa e produzione di video». Il primo obiettivo del concorso è stato pienamente raggiunto. «Volevamo far conoscere la città e i luoghi di Giorgione ai nostri ragazzi», spiega Danila Dal Pos, «E viste le clip ci siamo riusciti». I Millennials frequentano altre piazze virtuali e reali, ma hanno apprezzato i luoghi della storia nei quali si svilupperà la mostra: Casa Giorgione, Casa Costanzo, lo studiolo, la torre civica, il palazzo che ospita il Conservatorio, il Duomo... «E hanno poi saputo raccontarli con la loro sensibilità di giovani di 16-17 anni», dichiara Dal Pos. Originali nel confezionare il loro racconto come originale è la mostra “Trame
di Giorgione” che narra del grande pittore attraverso i tessuti immortalati nelle sue opere. Un viaggio nelle stoffe, che rivelano attraverso i costumi il fascino, la raffinatezza, l’apparenza di una società in un’insolita indagine sul Rinascimento e su uno dei suoi protagonisti primari.

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE DE ILMIOLIBRO

Corso gratuito di scrittura: come nascono le storie