Quotidiani locali

Il boccone va di traverso salvato dal medico al Road House di Silea

Silea. Momenti di panico ieri Road House per un ciclista romagnolo Rischia di soffocare ma è presente un dottore, che gli fa espellere il cibo

SILEA. Il boccone di carne che va di traverso ed un ciclista che rischia di soffocare. Momenti di panico, nel primo pomeriggio di sabato, alla Road House di Silea dove un ciclista romagnolo che si trovava a tavola, assieme ad altri tre amici in trasferta nella Marca, ha rischiato la vita per un pezzo di cibo che gli ha ostruito la gola. Prima sono intervenuti gli amici, poi un medico, seduto tra i clienti del locale, vedendo che la situazione stava precipitando, ha applicato al ciclista che stava soffocando la manovra di Heimlich. L’uomo è riuscito così a sputare il cibo e a riprendere fiato con il sollievo generale di tutti.

Il fatto è avvenuto nel primo pomeriggio nel locale della celebre catena della Road House che serve cibo  base di carne a Silea, nei pressi della rotonda dell’autostrada A27. Mancavano pochi minuti alle 14 quando un ciclista romagnolo, in trasferta nella Marca assieme ad altri tre amici, mentre è seduto al tavolo del ristorante, si sente male. Gli amici capiscono subito cosa sta succedendo. Il ciclista, infatti, ha il viso cianotico e fa cenno di non riuscire a respirare a causa di un boccone finito di traverso. Sono momenti molto concitati. Gli amici cercano di fargli sputare il boccone, gli danno delle pacche sulla schiena per agevolare l’espulsione del boccone, ma niente.

Non c’è verso. Sono momenti drammatici. Gli amici portano il ciclista in bagno ed anche lì la situazione non si sblocca finché in bagno non arriva il medico, attratto dai momenti concitati del fatto. Il professionista si qualifica e si fa largo tra gli amici. La sua esperienza lo porta ad applicare la famosa manovra di disostruzione delle via aeree detta la “manovra di Heimlich”. Dopo il terzo tentativo la manovra produce i suoi effetti. Il ciclista romagnolo riesce a liberarsi dal boccone che gli ostruiva la gola e a tornare a respirare.

Non c’è nemmeno li tempo per i ringraziamenti. Il professionista, infatti, non appena termina il suo compito esce dal bagno e con la compagna se ne va dopo aver pagato il

conto mentre gli amici sono ancora attorno al ciclista.

Una storia a lieto fine. Non è stato neanche necessario l’intervento del 118 sul posto. Il ciclista, a quanto pare, è tornato tranquillamente al suo posto, nonostante tanta paura.

 

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista