Quotidiani locali

Zaia ai produttori di Prosecco: "Prezzo politico, non siate bulimici sui prezzi delle bottiglie"

"I produttori - ha sottolineato Zaia - sono stati eccezionali e hanno investito ma, anche per non subire attacchi in futuro da parte di concorrenti infastiditi per il successo del Prosecco, dobbiamo diventare 'i primi della classe': adottare tecniche rispettose dell'ambiente e andare verso la certificazione ambientale totale

TREVISO. "Gli agricoltori non devono essere bulimici, i prezzi devono diventare un accordo di filiera per non far fare al Prosecco la fine del Cava (spumante spagnolo ndr)". Lo ha detto il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, parlando al convegno di apertura dell'antica fiera di Godega Sant'Urbano (Treviso). "Quale futuro per il Prosecco?" era il tema dell'incontro, con la presenza di oltre 750 operatori del settore.
   
"La produzione di quest'anno - ha aggiunto Zaia - deve avere gi un prezzo certo, definito, per chi opera sui mercati internazionali; bisogna quindi 'cappare' il prezzo e decidere che il prezzo 'politico' è quello, ma non per fare un cartello e guadagnare di più, bens per mantenere il mercato". Pilastri del futuro del prosecco, ha spiegato il governatore, devono essere quindi la gestione accorta dei prezzi - il Prosecco genera un'economia da 5 miliardi di euro l'anno - il rispetto dell'ambiente e della salute, e la differenziazione.
 
"I produttori - ha sottolineato Zaia - sono stati eccezionali e hanno investito ma, anche per non subire attacchi in futuro da parte di concorrenti infastiditi per il successo del Prosecco, dobbiamo diventare 'i primi della classe': adottare tecniche rispettose dell'ambiente e andare verso la certificazione ambientale totale, del prodotto e del processo. Va sfatato il mito che solo in Veneto si usino i fitofarmaci, ci sono protocolli internazionali che regolamentano il loro uso, e non giusto che sul banco degli imputati finiscano solo i nostri agricoltori. Ma
noi dobbiamo essere degli apripista. Le prime azioni da fare sono: eliminare l'uso dei disseccanti tra i filari, acquistare atomizzatori con sistemi di recupero della deriva e optare sempre di più per trattamenti biologici.
Infine, la differenziazione".
 

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

TORNA IL CONCORSO PIU' POPOLARE DEL WEB

Premio letterario ilmioesordio, invia il tuo libro