Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Semaforo verde dai Consorzi «Le acquisizioni fanno bene»

ASOLO. «Ogni cambiamento genera un po’ di apprensione, ma il nostro marchio enologico è fortemente legato al territorio: anche dopo le acquisizioni il reddito generato rimane qui, la produzione anche,...

ASOLO. «Ogni cambiamento genera un po’ di apprensione, ma il nostro marchio enologico è fortemente legato al territorio: anche dopo le acquisizioni il reddito generato rimane qui, la produzione anche, i dipendenti rimangono gli stessi. Nessuno investe così tanto per svalutare marchi storici che hanno dato ricchezza alla nostra terra». Armando Serena, presidente del Consorzio di Tutela Asolo Prosecco Docg, vede con favore l’interesse degli investitori stranieri sui vigneti di casa nostra. Nel ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ASOLO. «Ogni cambiamento genera un po’ di apprensione, ma il nostro marchio enologico è fortemente legato al territorio: anche dopo le acquisizioni il reddito generato rimane qui, la produzione anche, i dipendenti rimangono gli stessi. Nessuno investe così tanto per svalutare marchi storici che hanno dato ricchezza alla nostra terra». Armando Serena, presidente del Consorzio di Tutela Asolo Prosecco Docg, vede con favore l’interesse degli investitori stranieri sui vigneti di casa nostra. Nella sua denominazione ancora non si sono visti passaggi di proprietà clamorosi, ma forse è solo questione di tempo: «Tutto il mondo del Prosecco è in fermento, c’è grande interesse da parte dei player internazionali» commenta ancora Serena, «e aziende vendono perché manca, a volte, la visione strategica nel futuro, o perché si cerca di entrare in circuiti di una certa importanza. La Ruggeri non aveva certo problemi finanziari, non ha venduto per necessità».

Anche in pianura, tra i filari del Prosecco Doc, lo shopping straniero è considerato indice di buona salute della denominazione: «A chi dice che il successo del Prosecco non continuerà, questa notizia dà una risposta chiara», commenta Stefano Zanette, presidente Consorzio di Tutela Prosecco Doc, «non si investono certe somme se non si ritiene che il prodotto continuerà a crescere nei prossimi anni. In ogni caso, finora si tratta di episodi isolati, non parlerei ancora di trend. In ogni caso non ci dobbiamo spaventare: in Toscana è pieno di compartecipazioni straniere».

(a.d.p.)