Quotidiani locali

il caso 

«Disegni osceni». Treviso stoppa l’iniziativa anti Aids

Grigoletto al coordinamento Lgbt: «Va bene solo il testo» Cartoline diffuse senza grafica, ecco i 3 bozzetti censurati

«Sono oscene, con il patrocinio del Comune non usciranno mai». Con questa motivazione il vicesindaco Roberto Grigoletto, che ha anche il referato del sociale, ha stoppato la pubblicazione di tre cartoline anti-Aids, ideate dal coordinamento Lgbt di Treviso in occasione della giornata mondiale per la lotta all’Aids, che si celebrava il primo dicembre scorso.

Il coordinamento Lgbt aveva chiesto all’amministrazione comunale il patrocinio all’iniziativa. Le tre cartoline, realizzate su disegni di noti fumettisti del Treviso Comic Book festival, sarebbero state distribuite in occasione della giornata di mobilitazione.

Da un lato delle cartoline ci sarebbero state le immagini, dall’altro un testo di sensibilizzazione, sull’uso del preservativo e sulle altre norme per la prevenzione dell’Aids.

Quando il vicesindaco Grigoletto ha visto le cartoline, dicono i bene informati, ha avuto un sobbalzo. Era preparato forse a immagini adatte al pubblico giovane, anche anticonformiste, ma non si attendeva i bozzetti che gli sono stati sottoposti. Anche la sua sensibilità di cattolico è stata urtata...Una cartolina mostra due ragazzi, uno a petto nudo e uno protetto da un’armatura - chiara metafora - che esibisce un preservativo; la seconda ha una ragazzina stile «emo», nuda, che viene colpita, novella San Sebastiano, da frecce-siringhe; la terza è con tre coppie, anche gay e lesbo, che si baciano.

«Nessun problema per il testo», avrebbe risposto il vicesindaco al coordinamento Lgbt, «ma quelle immagini non possono essere diffuse con il patrocinio del Comune, che deve tener conto della sensibilità di tutti i cittadini».

In municipio nessuno ha molta voglia di parlare. C’è chi dice che il vicesindaco fosse sul chi va là, perché la richiesta di patrocinio era arrivata senza i bozzetti allegati. C’è anche chi aggiunge che a irritare gli animi, non solo del vicesindaco, sia stato il fatto che le cartoline, a partire da gennaio, sarebbero state anche distribuite nelle scuole. In ogni caso, Grigoletto, dopo aver detto «no» al coordinamento sulle immagini, si è di nuovo consultato in giunta con sindaco e assessori, incassando un sostanziale appoggio alla sua posizione. Patrocinio e logo ma solo al testo con le norme di prevenzione sanitaria e igiene. Però nessun disegno.

Il coordinamento Lgbt non l’ha presa bene. Invano i consiglieri comunali più vicini alla realtà Lgbt avrebbero cercato una mediazione, ricordando che le cartoline godevano di altri illustri patrocini, a cominciare da un’associazione di categoria.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Stampare un libro, ecco come risparmiare