Quotidiani locali

In bici fino al mare: nasce la "Greenway" di Treviso

Quattro passerelle sul Sile: strutture già posate, lavori in dirittura d’arrivo, collaudi previsti entro maggio. Si comincia il 9 da Sant’Angelo, poi a Casale. Qualche problema a Sant’Antonino

È quasi al termine il conto alla rovescia per la Greenway. Entro fine maggio tutti i ponti e i nuovi tratti di pista ciclabile saranno inaugurati e aperti, permettendo finalmente di andare in bici da Treviso al mare (o quasi). Nel mese di maggio, l’ultimo prima delle regionali, saranno tagliati ben tre nastri: il tratto di ciclabile di Sant’Angelo il 9 maggio, il ponte di Casale il 17, e, entro la fine del mese, anche quello della passerella d’Aspa a Sant’Antonino. «Per quest’ultima dobbiamo attendere il collaudo», spiega il presidente del Parco del Sile Nicola Torresan. «E’ pronta e posata, ma il collaudo è più complesso che in altri casi. Comunque per fine maggio la Greenway sarà tutta percorribile».

Sant'Angelo, vicino via Tandura
Sant'Angelo, vicino via Tandura

La Restera fino ad oggi è sempre stata un grande e bellissimo percorso ciclopedonale incompleto. Mancavano infatti collegamenti tra le piste ciclabili realizzate nelle due diverse sponde, e possibilità di accesso alle Alzaie da altre zone del parco. La Greenway ha avuto il compito di ricucire, e realizzare nuovi tratti di pista. Il primo tratto mancato del percorso turistico era quello vicino ai Casoni di Sant’Angelo, dietro la sede dell’Ente Parco Sile. E’ stato quindi realizzato insieme al “Ponte d’Orlando” (costo 970 mila euro) che lo collega a San Giuseppe, in vista del futuro prolungamento fino alla Treviso Ostiglia.

Casale, via Belvedere
Casale, via Belvedere

L’inaugurazione è prevista per il 6 maggio prossimo. Da San Giuseppe poi si dovrà procedere arrangiandosi sui percorsi esistenti: viale Montegrappa, e passeggi attorno alle mura per imboccare nuovamente la Restera a Ponte della Gobba. Con la Greenway però è stato aggiunto un nuovo collegamento tra le due sponde a Sant’Antonino. Dietro alla chiesa è stata posata la “Passerella d’Aspa” (costo 564 mila euro) che consente di raggiungere l’isola di Villapendola, superando il Sil Morto e ritrovandfosi quindi d’un balzo vicino ai Laghetti Verdi di Silera.

Il nuovo ponte a Musestre di Roncade
Il nuovo ponte a Musestre di Roncade

La passerella è lì da quasi un paio di mesi, chiusa perché non collaudata. Ma non manca chi da tempo scavalca le reti di cantiere per raggiungere la sponda opposta, per evitare di trovarsi a fare jogging sulla Jesolana. Da qui si potrà comunque raggiungere Casier, nella zona del cimitero dei Burci. Le passerelle hanno subìto una manutenzione temporanea, per essere rifatte completamente a partire da ottobre. Procedendo a sud si può percorrere la Restera fino a Lughignano, grazie a un nuovo tratto di pista e a un ponte mobile collocato davanti al cantiere nautico. A Cendon e più a sud verso Casale il “salto” da una sponda all’altra avviene con due “passi a barche” già attivati.

Un terzo ponte, se così lo vogliamo chiamare, è quello posato pochi giorni fa in zona Casale, affiancato al viadotto, che permette il collegamento con Roncade. L’inaugurazione potrebbe avvenire il 17 maggio. Infine una quarta passerella è stata realizzata e aperta a Musestre, per collegare il percorso protetto con la pista a Quarto d’Altino, che conduce fino a Portegrandi. La Greenway è costata 3,7 milioni, tre arrivati dall’Unione Europea e transitati per la Regione, i restanti divisi tra Comuni di Treviso, Roncade, Casale, Provincia e Parco del Sile.

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.