Quotidiani locali

"Chiudo l'osteria senz'oste": la scelta di De Stefani

Valdobbiadene. La decisione dell'imprenditore dopo il "gesto di disprezzo" degli avventori del venerdì sera: "Hannno mangiato e bevuto, non hanno pagato nulla". Non era questa la filosofia del luogo

VALDOBBIADENE. Porta sbarrata, per sempre, all'Osteria senz'oste di Santo Stefano di Valdobbiadene, la meta di mille turisti provenienti da tutta Italia. Ad annunciarlo Cesare De Stefani, il proprietario, l'"oste che non c'era", l'imprenditore che aveva deciso di creare un luogo dove vino, cibo, arredi, fossero a completa disposizione dei clienti e della loro onestà. Lì infatti si arrivava, ci si sedeva, si beveva  e mangiava quello che c'era nel frigo pagando il conto mettendo i soldi in una cassettina. Un sogno, una sfida che pare finita per colpa dei soliti furbetti... e non solo.

Sei stato all'osteria senz'oste? Mandaci una tua foto lì

"E' stata una decisione - ha detto all'Ansa l'imprenditore - che stava maturando negli ultimi mesi, ma esplosa sabato mattina, quando nel riordinare la stanzetta e riportare ci che era stato abbondantemente consumato la sera prima, all'apertura del salvadanaio, ho trovato 1 euro e 25 centesimi". De Stefani l'ha considerato un gesto di disprezzo, l'ultimo di una serie da quando l'ufficio delle entrate di Montebelluna (Treviso) l'aveva sanzionato con 62mila euro dopo aver preso a parametro gli incassi di un locale 'simile' nel trevigiano, che in realt non esiste.

leggi anche:

Cancellata quella che era stata soprannominata anche la 'taverna degli onesti', per far si' - raccontava all'epoca - che quando qualcuno passava di lì  e non trovava anima viva potesse comunque fermarsi un attimo, versarsi un prosecco e addentare qualcosa, lasciando eventualmente un obolo.

Quell'euro e 21 centesimi trovati nella cassetta "sono l'apice di fatti che si stavano ripetendo sempre più frequentemente. Posso con serenità affermare - ammette De Stefani - che siano il frutto di ciò che è stato esponenzialmente amplificato dopo l'intervento del fisco : cioè che quel luogo fosse fonte di reddito esentasse, un'attivit in 'nero'. Che fossi un evasore, un furbo che non paga le tasse. E grazie a questa idea gli ultimi avventori hanno fatto bisboccia gratis, lasciando a soqquadro la stanza"

"Tanta amarezza, ma quanti abbracci"

Decine i messaggi di solidarietà arrivati in queste ore da tutta la Marca e non solo. Il popolo dell'osteria si mobilita tra rabbia per la chiusura e voglia di chiedere a De Stefani di ripensarci

IL SONDAGGIO: Giusto chiudere o no? VOTA

TrovaRistorante

a Treviso Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Pubblicare un libro, ecco come risparmiare